Il codice di Manu PDF Stampa E-mail
Le religioni e i riti - Le idee

L'opera più importante ed autorevole riguardante il Dharma, ossia i diritti e doveri inerenti all'uomo indù nella vita sociale, politica e religiosa a seconda della casta di appartenenza.

 

manusmritiManu è un nome sanscrito che nella mitologia indiana indica il demiurgo progenitore dell'umanità e il legislatore primordiale. A Manu si attribuisce tra l'altro la divisione in caste - termine portoghese - della società indiana, distinguendo in essa quattro varna, colori, principali: sacerdoti, guerrieri, coltivatori, artigiani, piccoli commercianti e servi, a loro volta articolati in numerose caste e sottocaste, jati.

L'epoca di composizione di questo codice, conosciuto come Manusmriti, è molto incerta ed oscilla tra gli ultimi secoli precedenti e i primi sucessivi all'inizio dell'era cristiana. Certamente esso ebbe larga diffusione intorno al IV secolo d.C. periodo a partire dal quale fioriscono numerosi documenti che commentano il Codice. Nello stesso si avalla e sostiene il principio del privilegio assoluto della prima casta, quella brahmanica, che sarebbe l'unica preposta a conoscere, interpretare e tramandare in modo realmente autentico il sapere, la tradizione e l'ortodossia.

L'opera si divide in 12 libri, ciascuno dei quali affronta un tema di diverso interesse. Nel primo si descrive la creazione dell'universo ad opera di Brahma e nell'ultimo si espone il principio di trasmigrazione delle anime, indicando i mezzi e le vie per raggiungere la beatitudine finale con l'estinzione del Karma. Il corpo centrale del Codice si occupa delle prescrizioni, le responsabilità, i doveri e i privilegi delle varie caste, dei riti e delle norme per i vari sacramenti e delle purificazioni previe necessarie per compierli correttamente, delle punizioni per i trasgressori delle regole, dello stato dei figli a seconda della casta di appartenenza dei genitori, degli atti considerati puri, di quelli che necessitano di purificazione e di quelli che costituiscono macchia gravissima, tra i quali naturalmente spiccano come colpe indelebili e da scontarsi con infinite rinascite come esseri abietti - animali impuri o esseri subumani, fuoricasta - l'insieme di affronti o danni compiuti dalle caste basse nei confronti delle caste alte. 

L'elenco è lungo ma, come spesso accade, la presenza di norme apparentemente rigidissime denuncia evidentemente la necessità di arginare le trasgressioni alle stesse, probabilmente quindi molto più comuni di quello che i compilatori del Codice avrebbero voluto.

Il Codice di Manu ( in inglese )

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!