WMF 2012: i siti da salvare in India PDF Stampa E-mail
L'Arte, la storia e la cultura - Arte e architettura
Lunedì 10 Ottobre 2011 10:06

Ogni due anni la lista degli "osservati speciali" del World Monuments Fund accende un faro sulle situazioni più sensibili e bisognose di intervento. Per il 2012, sono quattro i siti indicati come tali in India

Bagh-i-Hafiz Rakhna, Sirhind-Fategarh, Punjab

Bagh-i-Hafiz Rakhna, bastioni

Conosciuto oggi come Aam Khas Bhag, questo primo meraviglioso giardino moghul era stato dedicato in origine alla memoria di Hafiz Rakhna, talentuoso amministratore cittadino e fondatore dello stesso, col quale aveva introdotto sul suolo indiano la tradizione del giardino formale persiano nel XVI secolo. Dopo la sua morte, il giardino venne ampliato e curato dagli imperatori Jahangir e Shajahan. Situato lungo la celebre Grand Trunk Road, il giardino è composto da tre recinti rettangolari e comprende un elegante palazzo, un hammam, un lago artificiale e bastioni con cupole.

 

Balaji Ghat, Varanasi, Uttar Pradesh

 

Balaji Ghat, VaranasiIl ghat Balaji risale al 1735 e l'edificio i cui gradoni giungono fino alla riva del Gange, un tempo ospitò la Banaras Gharana, la scuola di musica della tradizione locale, che attraeva studenti e virtuosi da tutta la nazione.

In origine si trattava di un edificio a sette piani, composto secondo la classica architettura propria dei Ghat: recinto rettangolare, giardino, tempio, fonte, sala d'assemblea, cortili, zone abitative e scalinate in pietra.

 

 

Havelis di Bikaner, Rajasthan 

Havelis, BikanerSituata nel deserto del Thar, la città fortificata di Bikaner crebbe durante il XV secolo come città carovaniera, dove una ricca casta di mercanti stabilì il proprio avamposto, gareggiando nei secoli in splendore nella costruzione delle tradizionali Havelis, le magioni in arenaria rossa di varia influenza architettonica che ancora caratterizzano il centro storico della città. Ne sopravvivono circa 400, oggi frazionate, cadenti e sovrappopolate, e che languono in una città rimasta ai margini dello sviluppo indiano e meta turistica sfavorita rispetto alla più celebre Jaisalmer.

 

Royal Opera House, Mumbai, MaharashtraRoyal Opera House, interni


Completata nel 1915, la struttura venne convertita in cinema già nel 1935 ma rimane l'unico teatro lirico ancora esistente in India.

Abbandonato da 20 anni, questo gioiello architettonico è attualmente di proprietà del Maharaja di Gondal che, nonostante l'altisonanza del titolo, non è in grado di finanziare il recupero dell'edificio che vide transitare sui suoi tappeti rossi e tra le sue decorazioni in stile barocco l'elite culturale e cinematografica della città.

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!