Gharana, scuole musicali PDF Stampa E-mail
L'Arte, la storia e la cultura - Musica

Per essere accettata nella tradizione musicale indiana, una Gharana deve poter vantare una continuità di almeno 3 o 4 generazioni di interpreti

Pandit Jasraj, principale esponente della Mewat GharanaLa parola Gharana, dal sanscrito graha, casa, indica la continuità del legame parentale attraverso l'ereditarietà familiare. Quando si parla di musica indiana però, questo termine indica il casato musicale, la successione orale e pratica che di generazione in generazione, assicura la continuità delle tradizioni attraverso il trasferimento delle conoscenze dal Guru, o Ustad, al discepolo, Shishya. Un nuovo stile di canto o di tecnica per i vari strumenti musicali, anche se prodotti da ottimi musicisti diventano una Gharana riconosciuta solo se sopravvivono immutati per almeno tre generazioni seguenti alla sua creazione. La maggior parte delle Gharana portano il nome delle città, delle corti o paesi dove si sono sviluppate, come BishnupurGwalior, Agra, VaranasiLucknow o Kirana etc. mentre altre richiamano invece il nome dei maestri fondatori.

Tra il XVIII e il XIX secolo, con l'introduzione del Khayal, si cominciò ad avere una maggior libertà di interpretazione e di esecuzione, che si riflesse anche sugli altri generi musicali tradizionali: gli ornamenti assunsero un ruolo più centrale e i grandi maestri ebbero quindi spazio per creare nuovi stili, dai quali derivarono le diverse Gharana. La scarsità delle comunicazioni e i pochi contatti tra Gharana e le corti che le ospitavano, fecero sì che le caratteristiche proprie di ogni Gharana si mantenessero ben distinte, passando esclusivamente da una generazione di musicisti locali alla seguente, devotamente preservate da influenze esterne. Questo fu il sistema fondamentale di educazione musicale in India, giacchè fino a buona parte del secolo scorso non esistevano scuole di musica pubbliche nè libri di testo specifici: la musica classica tradizionale era infatti insegnata solo oralmente e non era quindi possibile studiarla al di fuori di una Gharana.

Ogni Gharana presenta ancora oggi caratteristiche particolari nello stile dell'introduzione, nella precisa qualità tonale prescelta e nelle composizioni eseguite secondo un proprio schema strutturale e una originale interpretazione di alcuni Raga. Per esempio, i musicisti dell'Agra Gharana iniziano i loro Khayal con un Alap - lenta invocazione, a ritmo libero e stile meditativo, nella quale però già si introducono le sottigliezze del raga che verrà -  secondo modalità invece totalmente assenti nelle esecuzioni della Kirana Gharana, per dire. Le Gharana che interpretano più autenticamente i Khayal sono considerate quelle di Delhi, Patiala, Agra, Gwalior, Kirana, Mewat, Rampur e la Jaipur-Atrauli. Tra tutte, la Gharana di Gwalior è storicamente la più antica e come tale viene considerata la capostipite di tutte le altre.

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!