I video preferiti di GuidaIndia PDF Stampa E-mail
Risorse in rete - Blogs, siti indoitaliani, pagine FB etc.
Mercoledì 27 Luglio 2016 00:00

Amo i video, i cortometraggi: apprezzo moltissimo l'abilità di chi sa fondere suoni e immagini raccontando in pochi minuti realtà percepite o immaginate attraverso quella che, a mio giudizio, è oggi forse la forma più democratica, immediata ed efficace di comunicazione e, molto spesso, anche d'arte.

Ecco dunque una selezione di video, spot, slideshows e trailers a tema indiano tra quelli che ho maggiormente apprezzato negli ultimi tempi (con promessa di frequenti aggiornamenti) ma ne potete trovare moltissimi altri, spesso veri e propri documentari, incorporati direttamente nelle pagine del sito, a completamento/illustrazione dell'argomento trattato di volta in volta. Mi scuso, poi, se a volte col tempo qualche link proposto diventa cieco: sono ormai oltre 3mila le pagine di GuidaIndia da tenere a bada ed é quindi facile che qualcosa mi sfugga.  

 

Le genti, i mestieri, le arti e le tradizioni

White Shadows, di Tewfic El-Sawy

Ancora oggi sono migliaia le vedove che mendicano a Vrindavan o che si guadagnano una scarsa razione di riso e circa 3 rupie al giorno cantando incessantemente nei templi, in nome e per conto di ricchi devoti lontani.

I Rickshaw Wallahs di Kolkata

Un altro magnifico audio slideshow prodotto dal fotografo d'origine egiziana Tewfic El-Sawy.

Patang, L'aquilone, di Prashant Bhargava

Gli esseri umani sono un po' come degli aquiloni. Volano, seguendo traiettorie non sempre determinate dalla volontà, arrivano lontano; ma c'è sempre un filo che li collega all'origine, ed è proprio anche grazie a quel filo che riescono ad alzarsi nel cielo.

Handloom Textiles of India

Per il lancio del marchio Handloom, che certifica la genuinità artigianale dei tessuti indiani, nel 2008 venne prodotto questo breve documentario, che illustra alcune delle più celebri tradizioni tessili del Paese e le comunità che le producono. 

La Table aux Chiens, di Cédric Martinelli

‎4 del mattino a Kottakal, Kerala. Durante il monsone, alla celebre scuola di teatro-danza Kathakali 'PSV Natyasangham' gli allievi si preparano alle lezioni, in un mondo fortemente gerarchizzato, dove le donne non hanno posto e dove la religione è onnipresente.

Inde en images

14 brevi video hanno raccontato l'India per il canale televisivo francotedesco Arte durante il 2011, attraverso oggetti, usanze, luoghi e figure classiche del panorama indiano

Mayong: Myth/Reality

Il trailer di un interessante documentario sulle tradizioni magiche nell'Assam

Kabaddi, di Sarjit Bains

L'antico gioco indiano che unisce Lotta Libera e Acchiapparella. Potente.

The fishermen of Punnapra, di Tewfic El-Sawy

Con l'arrivo del monsone estivo, un particolare e misterioso fenomeno marino chiamato "Chakara" spinge a riunirsi lungo le coste del Kerala una straordinaria quantità di pesci e crostacei, dando così il via alla principale stagione di pesca della regione

Pepe Heykoop & Tiny Miracles in Bombay 

Un bel video, degli oggetti belli, bella gente e soprattutto una bellissima idea. Bello!

Circle of Life, di Djit 

Nel quartiere di Kumortuli, a Kolkata, fervono i preparativi. Secondo riti e modalità antiche, si modellano migliaia e migliaia di idoli d'argilla della Dea, fulcro delle prossime celebrazioni di Durga Puja, massima festività della regione ma non solo: le murti di Durga create a Kumortuli vengono esportate in tutto il Paese e nel mondo.

A love of Mud ~ Kolkata and the Durga Puja, di The Source Project 

Come sopra: ma basta una musichetta vintage di sottofondo e un improvviso acquazzone per modificare radicalmente l'immagine del quartiere e delle sue attività.

Living With Clay, di Robin De

Ancora Kolkata e Durga Puja, ma questa volta in un documentario che illustra in dettaglio il processo di produzione degli idoli, consacrazione compresa, e la sfida imprenditoriale di uno dei suoi più celebri artisti, Sanatan Rudra Pal. 

African Raga, di Steven Sander

Nel Novembre 1860, due navi trasportarono circa 700 braccianti indiani a Durban. Nel 1911 erano già più di 150.000 i lavoratori indiani sbarcati in Sud Africa, dove oggi vivono oltre un milione e mezzo di Indo-africani. Un documentario intende ora raccontarne la storia.

Rajasthan at Work, di Brett Cole

Tra Bundi e Jhodpur, il Rajasthan che lavora, che produce e che si ingegna per farlo con quel che c'è. Un video particolarmente gradevole, dedicato alle arti e ai mestieri classici del luogo.

Weavers of South India, di Ranjith Kumar - Kerala 

L'antichissima tradizione della tessitura, tramandata di generazione in generazione, produce capolavori artigianali di sontuosa bellezza.  

Prince, di Grandmother India Design

Un giro in città (con incursioni a Bollywood) con uno dei classici kaali-peeli, nero e giallo, i taxi di Mumbai modello Premier Padmini, prodotti dal 1950 su licenza FIAT e ormai scomparsi: i mille usi, le vetrofanie, gli adesivi e le decorazioni degli accessoriatissimi ed iconici veicoli che hanno fatto la storia della città.

Sleeper Class, di Rasha Yousif - Bahrain 

Senza aria condizionata ed economici, i convogli di vagoni-letto e le stazioni ferroviarie indiane offrono sempre un panorama umano affascinante e immutabile.

Witness Voice: Untold stories of South Asia's Partition

La Partition del 1947 tra India e Pakistan fu una delle più gravi tragedie tra le molte che scandirono il Novecento, ma sorprendentemente é anche una delle meno note al mondo e tra le più neglette anche nelle nazioni che la soffrirono. The1947PartitionArchive è una Ong che si propone si raccogliere le memorie dei sopravvissuti a quei tragici giorni. Con questo video-appello si esortano i cittadini di tutto il mondo a partecipare attivamente o a sostenere economicamente l'encomiabile progetto.

Bombay Movie, di Alexandra Eaton

Un documentario, una sorta di dietro le quinte del film Barah Aana, opera del regista indipendente Raja Menon del 2009, che vedeva tra i suoi protagonisti anche la nostra Violante Placido, durante la produzione del quale lo scontro con la corruzione, col sistema bollywoodiano mainstream e con le difficoltà finanziarie rischiarono di travolgere anche l'autore in vicende analoghe a quelle dell'uomo comune che intendeva rappresentare. Un altro interessante affresco della capitale economica indiana e della sua industria cinematografica.

In This City, di Keyur Kajavadara 

Tre garbate storie di quotidianità a Mumbai, tre modi di spiegare la variegatissima umanità che compone la megalopoli indiana rendendola unica, industriosa e cosmopolita.

Il Villaggio dei Forzuti, di Virendra Khanna

Ad Asola-Fatehpur Beri, sobborgo rurale di Delhi abitato prevalentemente da membri della casta Gujjar, il 90% della popolazione maschile fornisce servizi di sicurezza privata, buttafuori e guardie del corpo per locali notturni, Vip ed esclusivi stabilimenti della vicina capitale: l'intero villaggio si é così trasformato col tempo in un'unica grande palestra, dove a partire dai 14 anni tutti i ragazzini seguono una dieta speciale e uno specifico allenamento.    

Man of God, di TheIncendiaryFilms 

Kamala Lochan Baliarsingh è un senzatetto sessantenne, che da tre decenni sopravvive come può nei pressi della stazione di Bhubaneshwar, in Odisha, raccattando bottiglie di plastica ed elemosinando avanzi di cibo per sfamare quotidianamente i suoi amici, prima ancora che se stesso: i cani della zona, randagi e affamati come lui, ma più fortunati di lui, per aver trovato in Kamala quella compassione che la società spesso invece nega alle persone scivolate ai suoi margini.

Strung Together, di Anoodha Kunnath per Rouka 

L'arte di inanellare ghirlande di fiori e boccioli, così cara alle donne del Meridione indiano, tradotta in ricami e dettagli preziosi per la collezione Festive 2014 disegnata da Sreejith Jeevan, nel promo vincitore della Fashion Films Premiere, Lakme Fashion Week, August '14.

Manual Scavengers, di Human Rights Watch 

Nonostante il fatto che la legge lo vieti, si calcola che almeno 1,3 milioni di Dalit, prevalentemente donne, siano costretti dall'assenza di qualsiasi altra offerta d'impiego e dalla tradizione castale a ripulire a mano latrine e fogne.

Shastram, di RajshaProductions 

Le sacre scritture dell'India, il tramandare un sapere millenario ancora vivo e vibrante, come le otto danze classiche dell'India: Odissi, Bharathanatyam, Kathak, Kuchipudi, Manipuri, Kathakali, Sattriya e Mohiniyattam, in un affascinante video impreziosito dall'arte di Kavya Muralidaran, Prateeksha Kashi, Shruthi KP, Shewtha Krishna, Avijith Das, Deviyani Dance, Sudip Ghosh, Hare Krishna, Probal Gupta e Anwesa Mahanta.

Bulbul: Song of the Nightingale, di Atin Mehra 

Un documentario sulla vita di tre sorelle della tribù dei Banjara (Zingari, diremmo noi) in Madhya Pradesh, la più giovane delle quali si chiama Bulbul, usignolo, condannata come le altre, dalle secolari discriminazioni locali e dalla miseria sofferta dalla sua tribù, alla prostituzione: l'intoccabilità e l'aggravante dell'essere donna in India, osservate in presa diretta.

Il rame e l'ottone dei Thathera di Jandiala Guru, di UNESCO 

L'arte di produrre a mano utensili di rame e di ottone secondo un'antica tecnica tramandata oralmente di padre in figlio dai membri della casta dei Thathera e ormai esercitata quasi esclusivamente a Jandiala Guru, nei pressi di Amritsar, in Punjab, é stata inserita dall'UNESCO nella lista del Patrimonio Intangibile dell'Umanità.

The Demon Makers of Tatarpur, di Bioscope Wale 

Ogni anno, tra agosto e settembre, centinaia di umili artigiani si riuniscono da tutto il Nord del Paese in un sobborgo di Delhi per dedicarsi alla costruzione di migliaia giganteschi fantocci di Ravan, il re-demone che viene bruciato per celebrare la festività di Dusshera, per poi tornare ai loro villaggi. 

Work is Worship, di Rasha Yousif 

Fondato nel 1959 a Darjeeling, West Bengal, e forte in principio di soli 4 artigiani, oggi il Tibetan Refugee Self Help Center conta con il contributo di circa 130 famiglie di esuli tibetani, che con il loro lavoro producono, perpetuano e diffondono secondo tradizione le Arti Applicate della terra d'origine, coinvolgendo e sostenendo i membri più bisognosi della loro comunità.

Sikh Formaggio, di Devyn Bisson, Katie Wise e Dan Duran

Dal Punjab alla Pianura Padana: come una generazione di immigrati Sikh ha salvato a partire dagli Anni 90 la produzione del Grana Padano e del Parmigiano Reggiano. 

Unravel, di Meghna Gupta 

"Forse li buttano perchè da loro l'acqua è talmente cara che non li possono lavare..." Questa è la spiegazione che si danno le donne indiane impiegate nell'industria del riciclo tessile per l'enorme quantità di vestiti, a loro avviso praticamente nuovi, che una volta scartati dall'Occidente giungono in India per essere riciclati con un lungo processo tutto manuale fino a ricavarne nuovi filati, mentre fantasticano sui loro proprietari originari e sullo strano mondo dal quale provengono. 

Original Copy, di Georg Heinzen e Florian Heinzen-Ziob 

La lotta per la sopravvivenza del vecchio cinema Alfred Talkies di Mumbai, circondato ormai dall'incombente espansione metropolitana e dalla modernità, e del suo pittore della casa, Sheikh Rehman, ultimo rappresentante in città dell'arte effimera di dipingere a mano ogni settimana un nuovo gigantesco cartellone che ne annuncia il film in visione. 

Tuning 2 You - Lost Musicians of India, di Datta Brothers 

Il ritorno in India da Londra di un musicista dopo 15 anni alla ricerca delle sue radici musicali attraverso un affascinante viaggio nell'India rurale, e che a partire dal Bengala ripercorre l'intero Paese sulle tracce della musica popolare e dei suoi interpreti più autentici.

Pung, di RuralIndia 

Sul tamburo - Pung - considerato in Manipur il re degli strumenti musicali, si fonda la cultura del Sankirtan, come spiega il guru Sarungbam Khomei in questo affascinante video, una performance rituale di danza, tamburi e canto tradizionale delle popolazioni vishnuite dell'area, nominata Patrimonio Intangibile dell'Umanità dall'UNESCO nel 2013 

Curiosità, musica, arte urbana, animazione e spot Tv

New Walkers Poppadums

♪♫♪ ...Well, you can take me and my turban to the Kathmandu, chew my chapati, eat my vindaloo, but when I see a Walkers, Im a fingers and thumbs, so get your gums off my Poppadums - aha-ha, yeah, ya-ehe. Well go ahead, Punka Wallah, make my day, two tasty flavours will blow you away, they rattle and a-roll allover your tongue, so get your gums off my Poppadums... ♪♫♪
Anni 80, Gran Bretagna: quanto di meno politically correct e di più esilarante si possa trovare in rete! 

Hana & Kip, Anthony Minghella

Vincitore di 9 premi Oscar nel 1997, Il Paziente inglese, di Anthony Minghella, tratto dall'omonimo romanzo di Michael Ondaatje, si svolge principalmente nella zona di Pienza durante la campagna d'Italia della Seconda Guerra Mondiale, quando l'infermiera franco-canadese Hana (Juliette Binoche) e lo sminatore Kip Singh (Naveen Andrews) si conoscono e innamorano, dando origine a una delle più celebri e incantevoli sequenze della cinematografia contemporanea. Film a parte, furono quasi 6000 i militari provenienti dall'allora Hindustan caduti in Italia combattendo con gli Alleati contro i Nazifascisti.

DsTv, Ogilvy & Mother

Matrimonio combinato? Abituatevi a scegliere! Dal SudAfrica del 2004, la divertente pubblicità di una Tv satellitare

Game on, Microsoft

Anno 2006, psichedelica campagna di lancio in India della Xbox360: testimonial, Akshay Kumar e Yuvraj Singh

CityLight, di Happydent-Perfetti

Forse non tutti sanno che... l'italianissima Perfetti, a seguito di varie acquisizioni, è ormai leader indiscussa del settore tanto in India (e nel resto del mondo) quanto lo é in Italia: chewing gum e caramelle vendute a tonnellate in tutto il subcontinente indiano e molte anche le divertenti pubblicità là commissionate negli anni; tra tutte, questa del 2006 è sempre la mia preferita.

The Cosmic Barber: Baba's face massage, di SpaNomad

Un cubiculo a Pushkar, un massaggio facciale e un barbiere-massaggiatore che letteralmente libererà il vostro corpo da ogni possibile bad vibe...

Take Five, di Sachal Studio Orchestra

Loro in realtà sono di Lahore, dunque pakistani, ma il sound e gli strumenti musicali sono naturalmente quelli comuni a tutto il Settentrione indiano, qui magistralmente impiegati nella celeberrima Take Five, di Dave Brubeck, eseguita da quest'orchestra specializzata in colonne sonore e spazzata via negli Anni 80 assieme agli Studios cinematografici locali dal fondamentalismo religioso del dittatore Zia ul-Haq, ma alla quale la passione musicale del magnate della finanza anglo-pakistano Izzat Majeed sta offrendo ora una seconda giovinezza.

Goa Hippy Tribe, di Darius Devas

Grazie al crescente uso dei Social Network, anche la tribù di Hippies di tutto il mondo che si formò lungo le spiagge di Goa negli Anni 70 ha deciso di riunirsi - con apposita pagina FB - contarsi e soprattutto raccontarsi, per mezzo di una serie di cortometraggi che ne tratteggiano la storia e i protagonisti.

Light my Fire, Ananda Shankar

Se a partire dai tardi Anni 60 quello stesso movimento Hippy aveva cominciato ad arricchire di sonorità e temi indiani la colonna sonora dell'epoca, anche in India ci fu chi compì la medesima operazione ma al contrario: aggiungendo cioè celebri temi occidentali al proprio repertorio classico indiano, appreso e assimilato sin da bambino secondo tradizione. E' il caso, per esempio, di Ananda Shankar, figlio di Uday e nipote di Ravi Shankar, i più celebri ambasciatori della musica e della danza indiana in Occidente del Novecento.  

Diamond Is Forever, DTC 

Con questo delizioso corto d'animazione, la DTC, braccio operativo della celebre firma De Beers, ribadisce ancora una volta il proprio motto Un Diamante é per Sempre attraverso la lunga e travagliata storia della gemma più famosa al mondo, il Kohinoor, scoperta in epoca medievale nelle miniere di Golconda e oggi proprietà del tesoro della corona britannica, dopo aver attraversato buona parte della storia indiana ed essere transitato sulle corone e nei forzieri di numerosi regnanti dell'Hindustan e della Persia.

Vodafone Blue 

Divertente pubblicità del 2011 per il lancio del Facebook Phone Vodafone in India

India's Repubblic Day, FinnAir 

L'equipaggio delle linee aeree finlandesi celebra la Festa della Repubblica 2012 sul volo in partenza per Delhi. E il video fa il giro del mondo in un lampo.

Chanting Lighter, di CPAA India

I riti funebri indù generalmente includono l'incessante ripetizione del mantra Ram Naam Satya Hai - Solo il Nome di Rama é Verità - durante il trasporto a spalla del feretro dalla sua abitazione fino alla pira funebre. Quel canto é dunque sinonimo di morte in tutta la nazione: per sensibilizzare la popolazione verso i rischi del fumo, in un Paese dove le sigarette si vendono sfuse e i rivenditori offrono ai loro clienti l'accensione gratuita delle stesse, si è provato a sostituire i comuni accendini elettrici con altri un po' particolari...

Handcrafted in Chennai, Wieden+Kennedy

Lo spirito artigianale e la fedeltà alla tradizione, ben illustrati in questo promo del 2011, rendono le motociclette Royal Enfield oggetto di culto per gli appassionati di tutto il mondo.

MTV Soundtrippin'

Spot televisivo di MTV India per l'omonimo programma durante il quale musicisti girano il Paese campionando suoni comuni per poi remixarli creando musiche originali.

Rickshaw Relief

9 ragazzi neozelandesi, 3 rickshaws, 2 settimane e tutta l'India da percorrere...

Pakistano Reggiano

Pakistano Reggiano di Babel
Tratto dal CD Babelizm

Mr. Cabman - Zephyr Project

Rilassante motivetto da viaggio, belle immagini dall'India nord-orientale

Baawariya - Maatibaani feat. Shankar Tucker

La versione strumentale di questo bellissimo motivo è stata usata in India come sigla della serie televisiva Mahadev

Google Crome India

Il simpatico video promozionale di Google Chrome per l'India, del Dicembre 2011, si è ispirato all'avventura commerciale di G. Rajendran, artista del Tamil Nadu.

Why This Kolaveri Di

Nel Novembre 2011, questo video girato quasi per caso durante le prove di registrazione della colonna sonora di un film Tamil, grazie alla simpatia del cantante/attore Dhanush, al suo irresistibile sorriso e al suo Inglese maccheronico, totalizzò oltre 7 milioni di visite in una settimana - diventate a oggi quasi 61 milioni - diventando esso stesso il trailer ufficiale del film e guadagnandosi il primo posto assoluto tra i video virali del Paese. Lo smilzo Dhanush, genero della megastar del cinema meridonale Rajinikanth, è anche un eccellente attore e, se non bastasse, anche un ballerino dall'inesauribile energia.

Foodistan

Prodotto dalla catena televisiva NDTV per il suo canale di lifestyle Good Times, questo promo annunciava Foodistan, una sorta di reality show culinario nel quale a partire dal Gennaio 2012 e durante 26 puntate si sono affrontati 16 tra i più rinomati cuochi indiani e pakistani, in una sfida all'ultimo mestolo che si è conclusa con la vittoria dell'indiano Manish Mehrotra sull'avversario pakistano Poppy Agha.

No Rest for The Wiked, Urbanbeatproject

Dub FX feat. CAde & Mahesh Vinayakram. Live in India

4* N of the Equator

L'antica tradizione del matrimonio tra alberi nelle deliziose immagini - e con la voce - dell'eccellente illustratore Prashant Miranda

People you may Know

La commovente storia di un giovane di New Delhi che, persa la memoria dopo una grave malattia, ritrova la sua vita pezzo a pezzo su Facebook

Garuda, di Nicolas Athane

Il sogno di un ragazzo, ispirato dall'aquila divina Garuda, è da tempo diventato un classico dell'animazione

Anna's Henna Crown, di Henna Heals

Ricordate una delle ultime apparizioni della grande cantante Giuni Russo, scomparsa nel 2004 ? Una straordinaria iniziativa nata da 5 volontarie canadesi ha portato l'antica arte del Mehndi a diffondersi nel mondo per offrire alle persone sottoposte a trattamento chemioterapico la possibilità di sentirsi ed essere bellissime, anche in quel difficile frangente. 

London 2012 Olympic, Digital Arts Network, Singapore

Promo per la trasmissione Live delle Olimpiadi di Londra 2012 sul canale YouTube del Comitato Olimpico Internazionale, IOC, diffuso a Singapore, in Malaysia e Indonesia.

Jodhpur Jackie, di Ellen von Unwerth 

Ispirato al viaggio in India di Jacqueline Kennedy del 1962, questo video promozionale per la collezione Autunno Inverno 2012 della firma anglo-indiana Saloni intende ricreare l'allegra atmosfera dei film bollywoodiani. Surreale, kitsch e divertente.

La Vie En Rose, di Pascal of Bollywood

Il cantante e attore francese Pascal Heni giunse e si esibì in Tour in India per la prima volta solo nel 2001, dopo esservi però approdato spiritualmente già molti anni prima, quando, colto da folgorazione per le colonne sonore bollywoodiane ascoltate durante un viaggio in Malesia, era rientrato in patria per dedicarsi intensamente allo studio delle lingue e delle sonorità musicali indiane, producendo risultati rosei come questo.

Rock in The Road, Svad Animation 

Una terra lontana dal chiaro sapore indiano, un sovrano saggio, un ragazzo umile e gentile in difficoltà. Dodici minuti di bella animazione per questo video che ha dovuto attendere 5 anni per essere completato.

Be the Change ( the story of Gandhi), di Samplistic Media 

...E un rap sul Mahatma? Ci ha pensato McYogi.

GEOX Amphibiox 

Quattro fans scelti sulla pagina Facebook della Geox. E poi spediti a testare le nuove calzature urbane anfibie della celeberrima firma italiana nel luogo più piovoso del mondo: Cherrapunjee, in Meghalaya. E già che ci siete, potete farci un giro anche voi.

Bravia-Sony, Michael Brierley (DBC Prague) 

Il bimbo che rubò la luna: delizioso spot girato a Bikaner, Rajasthan, per gli schermi LCD Bravia.

Etro: collezione Uomo Primavera/Estate 2013

Turbanti, sete, pashmine, kurta e pajamas per la fiabesca eleganza dell'Uomo secondo Etro

Brinda - Em Varanasi 

Brinda: un bel progetto d'arte urbana tra Brasile e India, promosso dall'ambasciata brasiliana a Delhi.

Parallel Journeys, Nike India

Atleti famosi, giovani speranze e anonimi appassionati: lo spot di Nike India celebra la passione indiana per il Cricket, che accomuna celebrità e ragazzini, dall'Himalaya a Kanyakumari.

Hang Drums in Arambol - Goa, di Saltanov 

Un'affascinante, ipnotica performance del dolcissimo e celebre suonatore di Hang Drum Daniel Waples, qui in duo col collega James Winstanley in quel di Arambol. E dove altro, se no?

Classroom, The Hindu

Una lezione di Educazione Civica, la simulazione di una discussione parlamentare, per la quale l'insegnante raccomanda ai suoi allievi di mantenere un comportamento adeguato alla solennità del luogo. "Comportati bene, India: i giovani ti guardano". Vale anche da noi.

Pi's lullaby 

Composta dal canadese Mychael Danna e cantata in Tamil dall'artista della musica carnatica Bombay Jayashri, che ne ha scritto anche il testo, Pi's Lullaby è il brano introduttivo della colonna sonora di Vita di Pi, che ha già vinto nel suo insieme il Golden Globe e ottenuto due nominations agli Oscar, di nuovo come Miglior Colonna Sonora e con Pi's Lullaby come Miglior Brano.

Tum Tak Song, da Raanjhanaa, di Anand L. Rai 

Lui, hindu, da grande è interpretato da Dhanush, la star Tamil del video che divenne virale in India a fine 2011, Why This Kolaveri Di; lei, musulmana, crescendo diventa Sonam Kapoor ed entrambi sono i protagonisti del film romantico Raanjhanaa, di prossima uscita. Il brano, invece, è firmato dal magico premio Oscar A.R. Rahman. 

Heineken, The VoyageWieden+Kennedy 

Al ritmo di Voyage Voyage, degli olandesi Maison du Malheur, all'inseguimento di un capretto portabottiglie per sentirsi a casa in ogni luogo, anche nell'India da Luna Park delle meraviglie della campagna mondiale della nota marca di birra.

British Airways India, A Ticket to Visit Mum

L'autentica sorpresa organizzata a una mamma di Mumbai da suo figlio, da anni residente a New York, e che crede di avere lei l'opportunità di sorprendere il figlio facendogli arrivare per via aerea il suo piatto preferito: con la complicità di British Airways, per la nuova e commovente campagna della linea aerea in perfetto stile Carramba Che Sorpresa!

L'Arte della Felicità, di Alessandro Rak

Sullo sfondo di una Napoli insolitamente cupa, quasi nordica, il tassista Sergio cerca di metabolizzare il lutto per la scomparsa di suo fratello maggiore - divenuto 10 anni prima monaco buddhista interrompendo la brillante carriera musicale che condivideva col fratello, e poi morto nella regione himalayana indiana senza aver fatto mai più ritorno a casa - tra clienti abituali, incontri inattesi, ricordi d'infanzia, rimpianti, sfoghi e illuminazioni. Un lungometraggio d'animazione/graphic novel bellissimo sul senso della vita e le relazioni umane, ulteriormente impreziosito da un'eccellente colonna sonora.

La Légende de Shalimar, di Bruno Aveillan per Guerlain 

... C'era una volta in India un imperatore onnipotente, pazzo d'amore per la sua sposa, tenuta protetta come la gemma più preziosa in un palazzo nascosto tra le montagne e circondato dai magnifici giardini Shalimar, (quello del video è però il palazzo di Amber, in Rajasthan) per la quale il sovrano sognò ed eresse il più splendido monumento all'amore della storia, il Taj Mahal ... Una versione ancor più fiabesca dell'originale, se possibile, per celebrare la leggendaria essenza intitolata ai giardini moghul di Srinagar, in Kashmir. Lei, Mumtaz Mahal, é Natalia Vodianova e lui, Shah Jahan, é impersonato da Willy Cartier.

The Kinda Sutra, di Jessica Yu 

Molti adulti hanno buffi ricordi a proposito di come immaginavano si facessero i bambini da piccoli; Jessica Yu li ha illustrati e animati per NonfictionUnlimited con graziosissime immagini. Se alla fine vi sentite un po' confusi, niente paura: i bimbi di oggi vi spiegheranno come nascono davvero i bambini.

Google Search: Reunion, Google India 

La Partition del 1947 spezzò tanti legami sociali, familiari e d'amicizia. Una nipotina decide di fare una sorpresa al nonno per il suo compleanno con l'aiuto di Google Search... ♥♥♥ ... e di una deliziosa colonna sonora.

Bhangra Brothers, di Patrizia Santangeli 

Si chiamano Bhangra Brothers, sono nati a Pontinia, Latina, dove molti di loro lavorano come braccianti agricoli o sono ancora studenti. Patrizia Santangeli, già regista del documentario Visit India, proprio sulla comunità indiana pontina, ha girato un video che ne riprendere i colori, le danze, l’allegria all’interno dei meravigliosi ambienti del Parco nazionale del Circeo e sul palco del teatro Fellini di Pontinia. Balle Balle!

Jingle Bells, di MTV India 

In realtà parecchio datate - ma sempre divertenti per chi non le conosce - le due versioni di Jingle Bells di MTV India per il periodo natalizio di qualche anno fa; la prima, in stile Punjabi e l'altra dal sapore meridionale o gujarati: questione di ritmo! 

Jodhpur Flamenco & Gypsy Festival, CNR Productions

I maestri del Flamenco, i Langas del Rajasthan, la magia di Jodhpur: il lungo cammino dei Gitani torna alla casella di partenza per riannodare quel filo ritmico, musicale e culturale mai del tutto sciolto e che ancora oggi connette popoli teoricamente lontanissimi, il cui stretto legame risulta però evidente al primo sguardo e soprattutto al primo ascolto.

British Airways India, Go Further to Get Closer 

Per San Valentino 2014, continuano le Carrambate della linea aerea britannica, artefice questa volta della realizzazione del sogno di viaggiare e di ottenere un po' di intimità di due tipici sposi combinati indiani, travolti dopo le nozze dalla vita quotidiana e dalle rispettive famiglie senza quasi conoscersi.

Folk Music of Meghalaya, di Nitin Das

"Se gli alberi della foresta di Mawphlang potessero cantare, lo farebbero proprio come Bah Kerios Wahlang", spiega l'autore, che ha dunque scelto la voce dell'anziano Maestro di musica folk locale per accompagnare le immagini della natura selvaggia del piccolo Stato nordorientale indiano. O viceversa?

Rangeen, di FreePeople

Un matrimonio indiano, due amiche che si ritrovano per l'occasione e un inatteso ospite, sono le premesse per lo sbocciare di una nuova storia d'amore; la firma statunitense d'abbigliamento urbano Free People mostra la sua nuova collezione attraverso un corto girato a Jaipur, in Rajasthan, durante la festa di Holi e interpretato da Freida Pinto, Thomas Bull, Maritza Veer e Varun Mitra.

Make every yard count, Nike India

1440 giocatori e migliaia di campi da Nord a Sud, improvvisati o formali, urbani o rurali appaiono fotogramma per fotogramma percorrendo quelle 22 yarde che racchiudono la passione sportiva di una nazione intera: il Cricket 

Danny Brown - Dip, di Sampology

Un remix del singolo Dip, di Danny Brown, prodotto dal DJ/producer australiano Sampology campionando tracce di vecchi vinili indiani e montando il tutto su clip del film Chandni, 1989, con Sridevi e Rishi Kapoor, per l'occasione mascherato come l'eccentrico rapper americano.

Free - Chasing Grace, di Ivan Ogilvie per Nice&Polite 

Pushkar, la fiera, i vicoli, i bimbi e una miriade di aquiloni nell'ultimo video della band inglese.

GORE GOTE, di BollywoodGandu 

L'ossessione per la pelle bianca porta la società indiana a promuovere attraverso le celebrità bollywoodiane un'incredibile gamma di prodotti schiarenti destinati persino ad ascelle e zone intime delle signore. La satira di BollywoodGandu risponde con questo divertente video al colorismo che affligge il Paese.

Evolution of Bollywood Music, di Penn Masala 

Un medley di 39 celebri brani bollywoodiani usciti tra il 1940 e i giorni nostri, in 5 minuti di video dal gruppo a cappella Penn Masala: bravissimi!

Do The Rex,  di DurexIndia 

Un ritmo incalzante, qualche scena vagamente sexy e le movenze allusive del rubacuori bollywoodiano più amato dalle ultime generazioni indiane: dopo settimane di anticipazioni e indiscrezioni, Ranveer Singh esorta al sesso sicuro ballando e rappando a reti unificate The Rex, nell'ultima campagna pubblicitaria dei preservativi Durex. Ed è subito polemica.

Million Dollar Arm, di Craig Gillespie
In uscita in USA il 16 Maggio per Walt Disney Pictures, la storia vera di Rinku Singh (interpretato da Suraj Sharma) e Dinesh Patel (Madhur Mittal), lanciatori di Baseball scoperti dal procuratore sportivo JB Bernstein (Jon Hamm) in India attraverso il Reality Show che dà nome al film e che lo stesso Bernstein aveva ideato. Musicato dal premio Oscar AR Rahman.

Sufferation, di Wasaru 

Durante la Prima Guerra Mondiale, l'esercito indiano contribuì con numerose divisioni e brigate indipendenti allo sforzo bellico in Europa, Medioriente e Mediterraneo, apportando un milione di uomini, dei quali circa 62mila persero la vita in combattimento e 68mila risultarono feriti di varia gravità: alla fine del conflitto 74.187 Indiani persero la vita in Europa. Un'iniziativa francese in occasione del centenario del conflitto: Brain Damage meets Vibronics featuring Parvez in onore di Khudadad Khan, primo asiatico insignito della Victoria Cross, e di tutti i suoi compagni.

World Music Day, di Culture Machine 

20 artisti indiani di ogni provenienza regionale e tradizione musicale, riuniti per celebrare il 21 Giugno 2014 la Giornata Mondiale della Musica con una deliziosa versione del classico di Bobby McFerrin Don't Worry, Be Happy. Spread the Smile!

Verso l'India, di Nuove Tribù Zulu 

Un disco come un viaggio. Fuori e dentro di sé. Per creare, trasformare, conservare. Un disco che è il diario nomade di un gruppo di musicisti partiti da Roma e arrivati in India.

Dead End for India's Amby, di Vikram Singh

Dopo più di cinquant'anni, lo scorso Maggio Hindustan Motors ha interrotto la produzione della più iconica automobile indiana, la prima ad essere interamente prodotta nel Paese: la mitica Ambassador 

The Hundred-Foot Journey, di Lasse Hallström 

In uscita in USA il prossimo 8 Agosto per la DreamWorks Pictures, con la colonna sonora di A.R. Rahman, il film tratto dalla omonima novella di Richard C. Morais, pubblicata in Italia da Neri Pozza nel 2010 col titolo Madame Mallory e il piccolo chef indiano, tratta la difficile convivenza di una famiglia di ristoratori indiani trapiantati in Francia e stabilitasi vis-à-vis con un celebre e assai tradizionale ristorante locale gestito da un'algida dama, in principio per nulla disposta alla forzosa convivenza delle due proposte culinarie: una guerra gastronomica e culturale, fortunatamente dotata di inevitabile happy ending.

Kaun Banega Crorepati 2014 - Neighbours, Sony Entertainment Television 

Un villaggio, due famiglie vicine e rivali e un ragazzo hindu che va in città per partecipare a Chi vuol essere Milionario? tra sberleffi (e starnuti di malaugurio) incrociati e le esortazioni dei suoi. "Jeet kar aana beta - Torna vincitore, figliolo". All'ora di chiedere l'aiuto di un amico, a sorpresa è però proprio alla famiglia dei vicini che il giovane concorrente telefona: "Chacha, zio, cosa vuol dire Assalam Waleikum?" Questa la domanda a cui deve rispondere per poter vincere: Che Dio ti benedica, figliolo, risponde l'anziano, consegnandogli così la vittoria. E Amithabh Bachchan conclude: "Non si vincono solo soldi, qui, ma anche i cuori". L'ottava stagione di Kaun Banega Crorepati, la seguitissima versione indiana di Chi Vuol essere Milionario, dovrebbe andare in onda il prossimo Agosto.

India's Facebook Timeline, di BeingIndian 

Per il 67° anniversario dell'Indipendenza, un'immaginaria TimeLine della nazione - per la verità piuttosto scarna, ma vabbé... comunque un'idea carina - sulle note sintetizzate dell'inno nazionale, Jana Gana Mana. Happy Independence Day!

Border Anthems, di Zeshan Bagewadi e Nushmia Khan 

Lui, Zeshan, é un musicista indo-americano, la cui famiglia, originaria di Hyderabad, vide i propri commerci bruciati e saccheggiati all'indomani della partition, che costrinse i suoi nonni a rifugiarsi prima a Bombay e poi negli USA; lei, Nushmia, è una fotoreporter e videomaker pak-americana, i cui nonni, originari di Patiala, si trovavano invece in Kashmir in luna di miele nello stesso momento storico, finendo così per trascorrere i primi 9 mesi della loro vita matrimoniale come prigionieri di guerra ed essere poi rilasciati nel neonato Pakistan. Messi in contatto da amici comuni, per celebrare l'anniversario dell'Indipendenza Zeshan e Nushmia hanno prodotto in una settimana questo video dei due inni nazionali, Pak Sar Zameen e Jana Gana Mana, corredati da immagini delle due nazioni e che dimostrano l'evidente omogeneità culturale dei due vicini diventati assurdamente rivali. 

Android One: Apni Kismat Apne Haath, di Ogilvy & Mather per Google India 

Dalle grandi città ai piccoli centri, dagli artigiani ai giovani globalizzati, da Nord a Sud, dalle tradizioni alla modernità, lo spot di Google per l'India che progredisce, anche grazie alla crescente connettività, conia una nuova parola d'ordine per il lancio nel Paese dei suoi smartphone low cost Android One: Apni Kismat Apne Haath, Il Tuo Destino, nelle Tue Mani.

Ranveer's Bang Bang Dare, di Ranveer Singh 

Per lanciare il suo ultimo film Bang Bang e contemporaneamente celebrare il suo ritorno sugli schermi dopo il divorzio dell'anno scorso, Hrithik Roshan ha sfidato altre star di Bollywood a compiere stravaganze e curiose imprese: tra tutti, stravince sul web Ranveer Singh, che ha fermato il traffico di Mumbai con quest'omaggio al collega e amico, ballando imitandone le movenze sulle note di Main Aisa Kyun Hoon, dal film Lakshya, interpretato da Roshan nel 2004, abbigliato e mascherato in stile Krrish, lo scienziato-supereroe protagonista dell'omonima saga interpretata sempre da Roshan.

The Start - Tujhe Dekha To Yeh Jana Sanam, di SirenDipity per Outlandish

Gli Outlandish sono un gruppo hip-hop danese formato da tre elementi rispettivamente di origine marocchina, pakistana e caraibica e diventato internazionalmente celebre all'inizio degli Anni 2000 per una fortunata cover del brano Aicha, già reso popolarissimo da Cheb Khaled. Nel 2014 hanno prodotto anche una brillante cover della super hit bollywoodiana Tujhe Dekha To Yeh Jana Sanam, tratta dall'ormai leggendario film del 1995 Dilwale Dulhania Le Jayenge (DDLJ).   

Yeh Diwali Football Wali, di Indian Super League 

Calcio e fuochi artificiali: tutto pronto per festeggiare con l'Indian Football Super League questo Diwali, la festa delle luci, assieme a Luis Garcia, Pires, Ljungberg, Silvestre, Trezeguet, Capdevila, David James e soprattutto con Alex Del Piero, testimonial del torneo.

Indian Super League, di 4Humans 

Ancora il Football, ma questa volta di strada, di cortile, di spiaggia e di sterrato, contrapposto da 4Humans a quello dei professionisti del pallone e del tifo da bar per il canale televisivo Star Sports. 

Bollywood Santa - XMas Tree

Nella sesta edizione del popolare gioco della Ubisoft Just Dance, un esilarante duetto Bollywood a tema natalizio: per allenarsi per tempo e non farsi cogliere impreparati dalle imminenti festività.

Warrior Princess, di Wieden+Kennedy Delhi 

L'affascinante tradizione delle regine guerriere indiane nel nuovo spot della firma ayurvedica Forest Essentials, perchè ogni donna ha almeno due aspetti: la bellezza e la delicatezza della femminilità, che affianca la forza e la potenza necessarie per gestire qualsiasi situazione.

Ready for all types of weddings, di Lowe Lintas 

Tanishq Jewels fa ancora una volta da apripista con il suo nuovo spot, nel quale prima si sottolineano le diverse parure nuziali disponibili nella nota gioielleria a seconda dell'appartenenza regionale della futura sposa - in questo caso Punjabi - e poi si affida alla nonna il compito di rompere con la tradizione dei matrimoni combinati; colpita dalla ricchezza dei gioielli indossati da una sposa dell'India meridionale, l'anziana consiglia alla nipote di non sposarsi, o meglio, di non sposarsi così: giacché si tratta di un matrimonio d'amore, doveva proprio essere con un altro Punjabi? Ma che noia! Avrebbe potuto almeno scegliersi un marito del Sud e avere così due cerimonie e due diverse parure, una in stile meridionale e l'altra secondo tradizione punjabi... Toccherà forse alla nipotina minore accogliere l'esortazione? Da Tanishq, sono comunque sempre pronti per ogni tipo di matrimonio.

SmileOnWithAmazon, di Amazon India 

Marketing, d'accordo... Ma c'è sempre modo e modo di farlo: Amazon India quest'anno ha scelto quello di mettersi nei panni di Babbo Natale e portare così un sorriso e un regalo a diverse persone ed entità, tra le quali la Jeevarthni Foundation, dove ha esaudito alla lettera almeno uno dei certamente molti desideri dei suoi piccoli ospiti.

India in Florence, di Framecut 

L'attore, chef e conduttore italocanadese David Rocco imperversa da circa un decennio e con costante successo sui canali dedicati di mezzo mondo con la serie Tv Dolce Vita, più recentemente affiancata anche da Dolce India, ovviamente centrata in questo caso sulle arti culinarie indiane. Una delle ultime puntate della serie andate in onda si intitola però India in Florence, nella quale David riunisce le sue due grandi passioni, India e Italia: con la partecipazione straordinaria di Selvaggia Velo, fondatrice e direttrice del River To River, Florence Indian Film Festival e di numerosi altri membri della comunità indo-fiorentina.

Valentine's Day - Worth Celebrating ?, di Emotionalfulls 

Può sembrare solo una banale trovata pubblicitaria, il video prodotto da Emotionalfulls per il sito indiano di oggettistica online Archies, nel quale si intervistano sei coppie a proposito dei loro comuni appuntamenti in contrapposizione a quello dell'ultimo San Valentino trascorso insieme, e probabilmente in effetti lo è: ma il fatto che tra le sei coppie una sia composta da due ragazzi, che solo una delle altre cinque sia palesemente sposata e che tutte e sei dichiarino serenamente di festeggiare San Valentino, la rende comunque piuttosto speciale, in un Paese dove i rapporti omosessuali sono punibili per legge, dove le relazioni prematrimoniali vengono costantemente criminalizzate da politici e religiosi e dove ogni anno chi festeggia San Valentino rischia di subire pesanti aggressioni e insulti.   

Viva l'amore, abbasso i pregiudizi, di Real Time Tv 

Un ragazzo cammina per le vie di Milano, in un quartiere di locali e ristoranti. Ha in mano un mazzo di fiori e la gente prova chiaramente ad evitarlo. Il pregiudizio che è dentro di noi, spesso ci impedisce di vedere la realtà. L'amore non ha colore. Buon San Valentino a tutti!

ICC Cricket World Cup, di Star Sports Tv 

La campagna del canale sportivo Tv per la Coppa del Mondo di Cricket 2015 é cominciata lo scorso Gennaio col lancio dell'hashtag #WontGiveItBack, col quale la nazionale indiana, detentrice del titolo 2011, affermava assieme al Paese intero la propria determinazione nel volerlo conservare anche in questa edizione australo-neozelandese. Per l'India, match inaugurale il 15 Febbraio proprio contro l'eterno rivale pakistano, trollato con un video che ripercorre le frustrazioni di un tifoso di Karachi costretto a riporre dopo ogni incontro mondiale con l'India la cassa di mortaretti e fuochi d'artificio preparati per festeggiare. Dopo l'effettiva ed ennesima vittoria indiana contro il Pakistan - #6 - tocca però ora all'India cercare di spezzare l'incantesimo che a sua volta le impedisce di vincere contro il SudAfrica: come é giusto, questa volta sono dunque i tifosi sudafricani a trollare quelli indianicon quella stessa cassa di petardi e la stessa musichetta pakistana...

... E la saga continua! Dopo la vittoria indiana sul SouthAfrica (Yay!!! NdR), da Star Sports un consiglio per il cast completo di fans avversi fino ad ora all'India e poi sconfitti: provare questa volta a tifare per l'UAE, nel prossimo match della nazionale indiana.

Dopo la prevedibile vittoria contro l'UAE e in concomitanza con l'imminente festività di Holi, al povero tifoso pakistano non resta che confidare nelle West Indies, per vendicarsi della squadra indiana, mentre la saga di Star Sports diventa a sua volta piattaforma pubblicitaria per altre firme e i suoi spot ormai sono quasi più attesi delle partite stesse. Immancabile, prima di India - Bangladesh, la nuova versione del tormentone Mauka Mauka, questa volta un jugalbandi - duetto - interpretato dal solito tifoso pakistano e dall'attore Sanjai Mishra: ed é ormai "India Vs Il Resto del Mondo". E dopo la semifinale persa contro l'Australia, l'epilogo: conviene buttarsi sul campionato di Kabaddi, consiglia Salman Khan...

Lean On, di Major Lazer & DJ Snake

Coreografato come un vero e proprio Item Number bollywoodiano, il video del collettivo musicale americano è stato girato negli ND Studios di Karjat, a sud di Mumbai, e a Vasai, a Nord della megalopoli.

India Ke Rang, di Videocon 

Quando anche una (deliziosa) pubblicità di lavatrici locali riesce a illustrare in pochi secondi molte delle sfumature, delle tradizioni e delle diverse culture che ci si aspetta dall'India (naturalmente nella versione patinata di quei pochissimi fortunati - relativamente parlando - che si possono permettere non solo una lavatrice, ma anche l'acqua corrente, il detersivo e infine l'elettricità per far funzionare quello e qualunque altro elettrodomestico, ovvio)

Pour l'amour de Dieu, di Krishna Chandran A. Nair 

Vi siete mai chiesti che fine fanno le offerte a (tutti i) templi e santuari? Ci ha riflettuto su anche Krishna Chandran A. Nair, a partire dal tema Il Denaro, indicato dalla sua scuola d'animazione francese, la Poudriere, e dalle speranze di un contadino indiano, come tanti colpito da siccità. 

Even God Protects... di Indian Head Injury Foundation 

Un'organizzazione fondata nel 2007 dal Maharaja Gajsingh II di Jodhpur per sensibilizzare la popolazione indiana contro i traumi cerebrali causati da incidente stradale e la diffusione dell'uso del casco per i motociclisti: perchè anche gli Dei che vi proteggono, si proteggono la testa... qualunque sia il veicolo col quale si spostano.

Calcut, Bob Torrent ep. 4, di Infinity Tv 

"Grazie all’aiuto di Basmati, uno dei peggiori produttori di Bollywood, in questa puntata Bob Torrent produrrà un orrendo remake indiano di un capolavoro del cinema..." La satira di Maccio Capatonda colpisce questa volta la cinematografia popolare indiana e l'Immotivato Musical, con qualche ragione, ma attraverso assai più numerosi luoghi comuni e imbarazzanti incomprensioni: comunque sempre divertente.

Lebe jetzt - Kal Ho Naa Ho, di Ambasciata Tedesca in India

...E a proposito di Immotivato Musical, ecco l'operazione simpatia orchestrata dall'ambasciatore tedesco a Delhi, Michael Steiner e signora, con la partecipazione straordinaria dell'ex ministro degli Esteri indiano, Salman Khurshid: la reinterpretazione di una superhit bollywoodiana del 2003 nei panni che furono di Shah Rukh Khan, Preity Zinta e Saif Ali Khan, sulle celeberrime note di Kal Ho Naa Ho, cantata da Sonu Nigam...

Korla Pandit, The Movie, di John Turner & Eric Christensen

Negli Anni 50, Korla Pandit, provvisto di turbante ingioiellato d'ordinanza, ipnotizzò per anni quotidianamente milioni di statunitensi seduti davanti alle loro TV con brevi performance di musica esotica da lui composta ed eseguita su tastiere Hammond, a volte affiancato anche da danzatori, ma senza mai pronunciare una sola parola, se non durante le rare interviste concesse. Dichiarava di essere nato a New Delhi, da padre brahmano e madre francese, ma quel genio assoluto del più classico Pastiche al Gusto d'India era in realtà afroamericano e nato a St Louis, Missouri, col nome di John Roland Redd... 

Aç Bir Coca-Cola  

Ricordate la superhit del 2011 Why This Kolaveri Di, con la quale l'attore tamil Dhanush sbancò Youtube grazie anche al suo Inglese maccheronico e al suo irresitibile sorriso, scatenando una gara online di cover in lingue e dialetti indiani? Bene, una sua versione in lingua locale, corredata da balletto d'ordinanza maschi-femmine in perfetto stile Bollywood, è appena stata scelta come jingle Coca Cola per la campagna pubblicitaria estiva di quest'anno: in Turchia, però! Özcan Deniz guida il gruppo dei ragazzi e per le ragazze canta e balla Sıla Gençoğlu. Stappa una Coca-Cola..!

100 years of beauty: India, di CutVideo 

Il settimo episodio della serie di corti dedicati all'evoluzione della bellezza nel mondo condensata in un minuto è dedicato all'India: trucco e parrucco trasformano Trisha Miglani, modella e ballerina indo-americana, secondo gli stili bollywoodiani più in voga tra il 1910 e il 2010.

Oh My God! di Scotch-Brite India 

Quale sarà il segreto della lunga durata e delle proprietà delle spugnette Scotch-Brite? Moderna tecnologia o il vecchio, caro, intervento divino? Secondo un classico schema mitologico locale, accompagnato da opportuna musichetta, offrendo l'acqua richiesta da un anziano viandante nel bosco una giovane spinge il Dio che si nasconde sotto i panni del pellegrino a rivelarsi e a offrirle a cambio del suo gesto l'esaudimento di un desiderio. Una lunga vita, chiede la giovane... Ma, distratto sul più bello dal bacio lanciatogli da una delle sue Gopi, il Dio dirige inavvertitamente il suo raggio miracoloso non sulla ragazza in trepidante attesa, ma sulla vecchia spugnetta con cui stava lavando le stoviglie... (Temo che seguirà dibattito: pubblicità blasfema e irriverente o solo garbata ironia..? NdR) 

iPhone 6 India, di Leo Burnett India 

Il primo spot per il cellulare della Apple concepito espressamente per il mercato indiano, in vista della stagione dei matrimoni e dei relativi regali allo sposo, acquistabile anche in comode rate: (Dowry Phone, Now? Commenta qualche arguto utente Youtube...) Dopo una giornata trascorsa in trepidante attesa a chattare, inviarsi selfie vedo/non vedo e brevi video, due fidanzati finalmente si incontrano per il loro matrimonio. 

For God's Sake, di Sanctuary Asia 

Giacchè nè la coscienza ambientale, l'ammirazione per il magnifico animale o il semplice senso comune sembra siano ancora riusciti a sensibilizzare sufficientemente la popolazione del subcontinente indiano sull'importanza della salvaguardia ad ogni costo dei pochi esemplari di tigre ancora esistenti, questa breve animazione punta sull'antichissima devozione per Durga Mata, poderosa manifestazione di Devi, il cui mitologico veicolo è proprio il maestoso felino, sperando di fare breccia almeno così nel cuore degli Indiani: Per l'Amor di Dio, Salvate la Tigre!

Sugarless Tea, di Sai e Amanda Selvarajan 

Dall'ufficio postale di un paesino nel distretto di Ahmednagar, Maharashtra, al Queens, NY, per rivedere il fratello gemello dopo 54 anni di separazione. Deliziose illustrazioni per la commovente narrazione di come un uomo umile, risparmiando tutta la vita, sia riuscito a riabbracciare negli Stati Uniti la sua metà perduta a nove anni a causa di un aneurisma cerebrale e di come non dimenticò di informare della sua impresa, con una semplice cartolina, l'Americano a cui tanti anni prima aveva raccontato la sua storia. "Sono qui, finalmente, sono arrivato dall'India, quanto di più grande Dio abbia creato, a New York City, quanto di più grande abbia creato l'uomo". 

Junun, di Paul Thomas Anderson

Il chitarrista dei Radiohead Johnny Greenwood pubblica "Junun", album realizzato con la collaborazione del compositore israeliano Shye Ben Tzur e di un ensemble indiano, The Rajasthan Express: il disco - la cui lavorazione è stata filmata dal regista Paul Thomas Anderson per un omonimo documentario presentato in anteprima al New York Film Festival - è stato prodotto dallo storico collaboratore della band di Oxford Nigel Godrich e registrato nella prima parte del 2015 in India. 

 Hymn For The Weekend, di Coldplay 

Girato a Mumbai, con la partecipazione dell'attrice indiana Sonam Kapoor e di Beyoncé, pur mostrando in serie quasi tutti gli stereotipi legati all'India - dai colori di Holi ai fuochi artificiali di Diwali, dai Sadhu ai bambini di strada e agli interni psichedelici dei taxi - il video ufficiale del secondo singolo estratto dall'album A Head Full Of Dreams risulta affascinante e di sicuro impatto. (Infinite polemiche in India a proposito di presunta e indebita appropriazione culturale da parte di Beyoncè - ... a Bollywood!? - e conseguenti ridicole critiche verso quello che, con ogni evidenza, è solo un affettuosissimo e sommario omaggio al Paese, secondo la comune percezione - piaccia o meno - dello stesso in Occidente, e non certo un documentario)

Tatiana Volosozhar / Maxim Trankov SP "Bollywood", Bratislava 2016 

Al campionato europeo di pattinaggio artistico, la strepitosa prova dei due campioni olimpici russi sulle trascinanti note di Nagada Sang Dhol, dal successo bollywoodiano del 2013 Goliyon Ki Rasleela Ram-Leela

Hum Hain Happy - 6 Pack Band, YFilm

La prima band composta interamente da transessuali fa il suo debutto con una cover locale della celeberrima Happy, di Pharrell Williams

Da Da Ding, Deepika Padukone per Nike, Nike India  new4

Prima di diventare un'attrice a tempo pieno, la splendida Deepika Padukone è stata una giocatrice di Badminton di livello nazionale; premiata come miglior attrice protagonista lo scorso 13 Luglio alla cerimonia degli International Indian Film Academy Awards - gli Oscar indiani - per il ruolo interpretato nel film Piku, Padukone ha ringraziato presentando la nuova pubblicità di Nike India, che la vede protagonista assieme ad alcune campionesse indiane di varie discipline - da Joshna Chinappa per lo Squash a Ishita Malaviya, la prima surfista professionista del Paese, esortando tutti i giovani, ma in particolare le giovani indiane, a praticare sport con passione ed entusiasmo come metafora della vita, oltre che come fonte di salute ed equilibrio. Pronta la risposta del canale YouTube Epic Spiritual, con un video che contrappone le immagini di Da Da Ding a quelle della vita reale delle infinite masse di lavoratrici e donne del Paese, e che si conclude con uno slogan assai efficace: lo stiamo già facendo... e a piedi nudi!

 

Celebrazioni, riti e società

Purna Kumbh Mela, di Warmeye

Quello che ormai é universalmente conosciuto come ' Il più grande pellegrinaggio al mondo', la Kumbh Mela - o festa dell'urna sacra - si svolge ogni anno a rotazione in 4 diverse località e con diversi gradi di intensità, determinati da un ciclo di congiunzioni astrali lungo 12 anni e che ha il suo grandioso culmine dopo 12 cicli, cioè ogni 144 anni. 

Holi, di Xavier Zimbardo

Holi, una festa antichissima, tra le più note in occidente per l'assoluto e straordinario protagonismo del colore. 

Holi, di Variable

Un altro punto di vista, al rallentatore, su una delle più frenetiche feste indiane.

Holi, di Code Red Films

Ancora Holi, sempre la festa dei colori. Ma questa volta celebrato da chi i colori, almeno come noi li intediamo, non può nemmeno immaginarseli. Forse.

The Silent National Anthem, di Amit Sharma

L'inno nazionale indiano interpretato dagli alunni di un istituto per audiolesi. Senza parole. Letteralmente.

Buddha Jayanti, di Chandra Maharzan 

Vesak, l'anniversario della nascita di Siddhartha Gautama, il Buddha, a Kathmandu, Nepal.

The Vedic Disciples, di Tewfic El-Sawy

La recitazione dei Veda, memorizzati e cantati in base a diverse forme ritmiche e melodiche, é spesso considerata la più antica e ininterrotta tradizione orale ancora esistente nella storia dell'uomo.

While the world sleeps, di Rishi Kaneria

Ispirato dal celebre discorso pronunciato dal Pandit Nehru allo scoccare della mezzanotte per l'Indipendenza indiana il 15 Agosto 1947, notevole ritratto in B/N dell'India attuale.

The World Before Her, di Nisha Pahuja

Un poderoso documentario che ritrae due estremi della cultura indiana contemporanea attraverso i concorsi di bellezza di stampo occidentale - con tutto quello che la partecipazione agli stessi suppone - e la militanza nei gruppi paramilitari induisti nazionalisti, fondati sulla stretta aderenza alla tradizione e sul rifiuto armato di qualsiasi influenza aliena ad essa: due universi femminili paralleli e inconciliabili, che in parte spiegano la lacerazione sofferta dalle donne indiane di oggi e il prezzo che molte di loro finiscono per pagare in un Paese che, come di consueto, riflette permanentemente il mondo intero e la sua storia.

Algorithms, di Ian McDonald

Un gruppo di ragazzi indiani che sognano di diventare campioni di Scacchi, seguiti nel loro percorso durante circa tre anni dal sociologo e documentarista britannico Ian McDonald e allenati nell'antico gioco d'origine indo-persiana da Charudatta Jadhav, il quale - come tutti i suoi giovani allievi - è completamente cieco e come tale ha dedicato la sua vita allo sviluppo degli Scacchi per  non vedenti.

Nirnay, di Pushpa Rawat 

Nirnay, decisione, é un interessantissimo documentario d'esordio, nel quale l'autrice ha esplorato durante 3 anni le scelte - o piuttosto l'assenza delle stesse - che caratterizzano la sua vita e quella di altre donne in un quartiere operaio di Ghaziabad, Uttar Pradesh, intervistandone i protagonisti - nella clip suo padre, che non le ha permesso di sposare l'uomo che amava perché di un'altra casta - o semplicemente osservando gli eventi e la routine quotidiana a cui tutto ciò conduce. 

At the Madrasa, di Rasha Yousif

In questo bellissimo audio slideshow, gli studenti della madrasa - scuola coranica - alla Cheraman Perumal Juma Masjid, in Kerala, considerata tradizionalmente la più antica moschea fondata in India.

Durga Puja, The Spirit of Kolkata, di Kris Bailey

Un audio-slideshow particolarmente intenso della festa più attesa dell'anno a Kolkata e nell'India orientale, la celebrazione della dea madre e della sua vittoria sul demone Mahishasura.

Blessed Days, Sacred Nights, di Tulasi Srinivas 

A Malleshwaram, in Bangalore, la vita quotidiana del tempio Venugopala Krishnaswamy, coi suoi riti, suoni e colori. Interessante.

Deepavali Festivities, di HappyChow, Singapore 

I preparativi della comunità indiana per Diwali, o Deepavali, nel quartiere di Little India a Singapore. Un video semplice, ma che risulta colmo di letizia e solarità anche grazie all'azzeccata scelta della musichetta di sottofondo.

Confined, di Gloria Kurnik

Vincitore del concorso India Is, promosso dal ministero degli Esteri della Repubblica indiana, il cortometraggio illustra con sensibilità e arte la vita di reclusione in gabbie dorate sofferta dalle principesse rajasthane di un tempo, come metafora della condizione femminile indiana, nel frattempo mai del tutto evolutasi.

Heartbeats, The Wedding Filmer, Mumbai 

Quando il video di un matrimonio vero diventa materia da Festival Internazionale del Cinema.

Mad India, di Tendance Floue, Francia 

In collaborazione con un nutrito gruppo di scrittori, giornalisti, poeti e attivisti indiani, il collettivo fotografico Tendance Floue produsse in un paio di settimane di permanenza nel Paese un eccellente ritratto dei contrasti dell'attualità indiana, pubblicato nel 2008 e ora rissunto in questo affascinante video.

The Sacred And The Profane, di Tewfic El-Sawy 

Le celebrazioni per l'anniversario della morte, Urs, del più venerato santo sufi di tutta l'Asia, Moin'Uddin Chishti, al suo santuario di Ajmer, in Rajasthan. Pellegrini devoti, vagabondi, ciarlatani, curiosi, mendicanti, fachiri, venditori e borsaioli, di ogni credo e religione, si riuniscono qui in cerca di salvezza spirituale e intrattenimento, mescolando al ritmo del Qawwali Sacro e profano, Miseria e Nobiltà, Innocenza e Astuzia. 

Jannati Darwaza, di Rasha Yousif

Di nuovo l'Urs al santuario rajasthano di Moin'Uddin Chishti, questa volta secondo la fotografa e documentarista orginaria del Baharain Rasha Yousif. Si crede che chi attraversi sette volte l'entrata principale del Dargah, la Jannati Darwaza, porta per il paradiso, avrà un posto assicurato nell'alto dei cieli. Un altro bellissimo audio-slideshow.

Bhopal: A Prayer for Rain, di Ravi Kumar 
Il trailer di una produzione indo-britannica sul disastro di Bhopal, nel 1984, la più grande tragedia di origine industriale della storia umana. Personalmente visitai Bhopal per la prima volta circa 10 anni dopo il disastro e il numero di non vedenti, di malati gravissimi e di bimbi malformati o disabili che si potevano incontrare ad ogni passo nella città mi colpì immensamente, pur proveniendo io allora da mesi e mesi di volontariato presso un grande lebbrosario di uno Stato vicino.

Scattered Windows, Connected Doors, di Roohi Dixit e Ziba Bhagwagar 

Otto donne e le loro otto storie: il trailer di uno stimolante documentario che esplora i pensieri e i percorsi di donne che vivono e lavorano con successo nell'India urbana. Una serie di conversazioni sull'amore, la perdita, la paura, la solitudine, il matrimonio, la libertà e su cosa significhi oggi essere una donna in India.

When Hari Got Married, di Tenzing Sonam e Ritu Sarin 

Hari, taxista dell'Himachal Pradesh, è innamoratissimo della sua fidanzata, intravista solo una volta, ma con la quale parla continuamente al cellulare in attesa delle nozze, arrangiate dai genitori secondo le usanze. Tradizioni millenarie e modernità si fondono in questo delizioso documentario sull'India contemporanea.

Liar's Dice, di Geethu Mohandas

Un premiatissimo road movie che segue le vicende di Kamala, vedova bianca di un villaggio dell'Himachal Pardesh, di sua figlia Manya e della di lei capretta, decise a rintracciare il loro marito e padre partito mesi prima per Delhi in cerca di lavoro e poi svanito nel nulla. Le aiuterà nell'impresa un misterioso personaggio, Nawazuddin, sempre in bilico tra l'incutere timore e l'ispirare fiducia. Aggiornamento del 23.9.2014: il film é stato scelto per rappresentare l'India agli Oscar 2015.

It's Your Fault! AIB 

Ironia per combattere la piaga degli stupri: volti noti - l'attrice Kalki Koechlin e la VJ Juhi Pandey - dimostrano inequivocabilmente alle donne indiane come e perché sia sempre e comunque colpa loro, se subiscono violenze, secondo una terrificante mentalità assai diffusa non solo in India. 

Holi Holy, di Bharat Sikka e Manish Arora 

Vincitore del Gran Prix al 6° ASVOFF, il video celebra le vedove di Varanasi, che per la prima volta dopo secoli nel 2013 hanno festeggiato secondo tradizione Holi. Protagonisti, la città santa, l'artista e musicista Bishi Bhattacharya, il futuristico stile di Arora e i colori della festa. E la fotografia, diretta da Tassaduq Hussain.

#TankYouSachin, Google+ 

Forse non è la migliore composizione del notissimo musicista Amit Trivedi a fare da colonna sonora a questo video, a sua volta non particolarmente originale, ma è la circostanza per la quale è stato prodotto a rendere il tutto memorabile: il ritiro del più amato campione indiano di Cricket, tra i più grandi di sempre al mondo, e la profonda, autentica commozione con la quale l'India intera ha salutato e ringraziato Sachin Tendulkar.

#Dontlookaway, di Jaydeep Sarkar per BBA 

Bachpan Bachao Andolan è una delle più attive ed efficaci ONG indiane nel campo della difesa e del riscatto dei bambini indiani. Questo bel video, prodotto in collaborazione col servizio pubblico indiano, esorta la popolazione a non girarsi dall'altra parte ma a contattarli immediatamente di fronte a un fenomeno criminale che obbliga ogni giorno circa 40 ragazzine minori di 15 anni a cominciare a prostituirsi nelle città indiane.

Dekh Le, di Ketan Rana per Whistling Woods International 

Guardati, mentre fissi me con lascivia: questo il messaggio del video prodotto dalla scuola internazionale di cinema, moda e comunicazioni visive di Mumbai e proiettato nei cinema indiani il 16 dicembre scorso per commemorare l'anniversario del terribile stupro/omicidio compiuto nel dicembre 2012 a Delhi.  

झलक [jhalak], di Tim Sessler 

Vita. Buttati a caso, ti passano accanto momenti, mentre tu cresci. La gente va e viene, le occasioni sfumano, e ne arriveranno altre. Speranza. Comprensione. Dio. E' davvero come sembra? Prima che te ne accorga, finisce per ricominciare. E alla fine hai potuto solo intraverderla. (Jhalak, Glimpse, visione fugace)

Bhopal 84, di Samsara Films

Nei primi Anni 80, Musharraf Ali acquistò una videocamera per lanciarsi nel crescente business dei video di matrimonio a Bhopal: non poteva certo immaginare di doverla utilizzare invece la notte tra il 2 e il 3 Dicembre 1984 e nei quattro giorni seguenti per documentare l'orrore, le cremazioni di massa e la sepoltura delle migliaia di morti causati dal disastro della Union Carbide. Dopo oltre vent'ann di silenzio, ha deciso di rendere pubblico quanto visto allora e condiviso col sacerdote hindu Jagdish Nema, che officiò allora e senza sosta i riti funebri per centinaia di vittime.

Chupan Chupai, di Factory Fifteen 

Futuristica, eppur sempre identica a se stessa, Città pulsa, cresce e lavora attorno ai suoi figli, alcuni dei quali, giocando a Nascondino - Chupan Chupai - ne esplorano gli angoli più reconditi e il selvaggio sottosuolo interagendo con la tecnologia smart di cui Città é segretamente intessuta.  

Hindu Nectar, di Akanksha Joshi

Il trailer del poetico viaggio compiuto dall'autrice dall'Himalaya al Sud dell'India tra fiumi, foreste, città sante ed eremi, ripercorrendo i mantra e i concetti filosofici ascoltati sin da bambina e incontrando religiosi e mistici di origine prevalentemente occidentale che hanno trovato in India e nell'Induismo le risposte agli eterni quesiti umani. Dal Settembre 2014, é online anche la versione integrale.  

Yaadhum, di Kombai S Anwar 

La ricerca delle radici, dell'eredità culturale sincretica e dell'antica armonia che caratterizzò per secoli la convivenza tra la comunità musulmana e quella largamente maggioritaria hindu in Tamil Nadu. Una comunità un tempo prospera, i cui membri si definiscono oggi di nazionalità indiana, di cittadinanza e lingua Tamil e di fede islamica, in una combinazione riassunta dal termine che dà titolo al documentario: Yaadhum, Tutto.

Free - Chasing Grace, di Ivan Ogilvie

Per illustrare Free, singolo d'esordio dal forte accento folk - mumfordiano prodotto dal quartetto britannico Chasing Grace, il filmmaker Ivan Ogilvie ha scelto l'India e precisamente Pushkar, in Rajasthan, durante la festività di Makar Sankranti, quando i cieli di buona parte dell'India nordoccidentale si colmano di aquiloni da battaglia sapientemente preparati e poi guidati dai contendenti di ogni età dall'alto di tetti e terrazze.

Your Voice, Their World, Omron India 

L'India ospita la più grande comunità di disabili visivi al mondo: 15 milioni sui 37 attualmente censiti nel pianeta. La compagnia giapponese Omron, in collaborazione con l'Associazione nazionale indiana non vedenti, lancia un'iniziativa a loro favore col fine di comporre la più grande audio-libreria al mondo dedicata alla poesia, chiedendo la collaborazione di tutti. Poemi preferiti, poemi vostri, testi di canzoni... Prestate la vostra voce, date ali alle parole e arrichite la vita di milioni di persone.

Amma und Appa, di Franziska Schönenberger e Jayakrishnan Subramanian

Quando i genitori di Jayakrishnan Subramanian fanno sapere al figliolo residente in Germania di avergli finalmente trovato la sposa ideale, lui e la sua fidanzata Franziska sono costretti prima a rendere nota alle rispettive famiglie la loro relazione e poi a farle incontrare: riusciranno i genitori bavaresi di lei ad andare d'accordo con quelli tamil di lui? Quando Mamma e Papà diventano Amma e Appa: un documentario e una storia vera. Jay e Franz si sono sposati nel 2014.

Birth 1871, di Dakxin Bajarange

Nel 1871, a seguito della capillare campagna volta a eradicare il fenomeno del banditismo, passato poi alla storia come la presunta e feroce setta dei Thugs, il governo coloniale britannico stilò un elenco di 192 caste e tribù classificandole ufficialmente come ereditariamente criminali, ponendo allora le basi per il gruppo castale rinominato dopo l'Indipendenza indiana con squisita ipocrisia come Denotified Tribes ma il cui elenco rimase di fatto invariato, perpetuando così fino ai giorni nostri, col più classico dei circoli viziosi, le discriminazioni, la marginalità e lo stigma sociale sofferti per nascita dai suoi membri.  

#PledgeToVote, Google India 

Il maestro Shyam Saran Negi, 97 anni, insegnante in pensione di un remoto villaggio dell'Himachal Pradesh, non ha mai rinunciato neppure una volta alla straordinaria opportunità offertagli tanti anni fa dai Combattenti per la Libertà: votare, sin da quando, a causa delle condizioni climatiche della regione, nel 1951 le prime elezioni dell'India indipendente vennero anticipate lassù di sei mesi, rispetto al resto della nazione, e lui si presentò al seggio prima di tutti, facendo così di lui il primo votante della storia dell'India contemporanea. Una storia vera e un invito a partecipare, alla vigilia delle Elezioni generali 2014.

Naleena, di Luigi Storto 

Il videoreporter abruzzese Luigi Storto ha vissuto per due mesi in una baraccopoli di Chennai per raccontare la vita di "Naleena", una Hijra diciannovenne della comunità transgender dello stato del Tamil Nadu. Ne è nato un documentario di 15 minuti che nei prossimi mesi verrà presentato nel circuito dei festival internazionali. Ecco il trailer.

The Masterchef, di Ritesh Batra 

Dal regista del delizioso e pluripremiato The Lunchbox, un cortometraggio selezionato dal Sundance Institute per rappresentare le enormi difficoltà che affrontano coloro che hanno avuto la sfortuna di nascere tra i poveri del mondo per poter osare anche solo immaginare di realizzare i propri sogni. 

What is an arranged marriage? di India mein WORLDFAMOUS 

Guida pratica ai matrimoni combinati: un divertente video per spiegare al resto del mondo come si svolge, quali sono le tappe e chi sono i protagonisti di questa diffusissima tradizione indiana. 

The Welcome, United Nation Humanright 

La campagna Free & Equal delle Nazioni Unite, per i diritti degli omosessuali, promossa con un video in stile Bollywood, interpretato dalla ex miss India e attrice Celina Jaitly, che esordisce cantando un remix di Neeraj Shridhar del classico Uthey sab ke kadam. "Tutti dovrebbero essere accolti con amore nelle loro famiglie, qualsiasi sia il loro orientamento sessuale".

The Seatbelt Crew

Come si fa a convincere gli indisciplinati automobilisti indiani ad allacciare le cinture di sicurezza? Semplice: basta il tono suadente, ma assai convincente, dei classici avvertimenti delle Hijras, le transessuali indiane, per l'occasione in versione equipaggio aereo.

Seeds, Google Glass 

Seeds, Semi, é un corto girato interamente coi Google Glass e prodotto dagli studenti della School of Cinematic Arts, University of Southern California, in occasione della Festa della Mamma. 

To FIFA, with love from India, di Video Daddy

"Abbiamo bisogno di altri stadi di calcio o di un miglior governo? Abbiamo bisogno di sicurezza, di scuole, di case. Abbiamo bisogno di rispetto e di essere ascoltati". La protesta indiana in solidarietà con quella brasiliana contro le enormi spese sostenute per gli eventi mediatici a discapito di quelle sociali.

Madam's School for Sex Workers, di Janardhan Chikkanna

Finalista alla Good Story Competition - lodevole iniziativa della fondazione Our Better World - il breve documentario illustra la scuola per prostitute fondata dall'illuminata Madam Bandawa a Dusshera Chowk, il quartiere a luci rosse di Sangli, in Maharashtra, dove chi sa insegna alle altre a leggere, scrivere e far di conto, nell'attesa che un insegnante vero aiuti queste donne a immaginare un futuro migliore.

Made in Kerala, di Jayan Mohan

Una banda di monelli scalzi, due porte di bambù, il monsone, un pallone e Shakira: World Cup 2014 in un villaggio del Kerala

#AskForCondoms, di Video Daddy 

Chissà quali sarebbero le reazioni in Italia a un analogo esperimento... Queste sono quelle della gente comune in India - tutto sommato piuttosto cool, direi, ma siamo a Mumbai - di fronte a una bella ragazza che chiede dove si possano acquistare dei preservativi, in un Paese dove ogni anno muoiono circa duecentomila persone, in maggioranza tra i 16 e i 35 anni, a causa di malattie trasmesse sessualmente. 

I Am That Change, di Sukumar e Allu Arjun 

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo, disse il Mahatma Gandhi: per il 15 Agosto 2014, anniversario dell'Indipendenza, la star del cinema meridionale Allu Arjun fa sua l'esortazione gandhiana, producendo e interpretando questa sorta di pubblicità progresso sulle note di Vande Mataram, celeberrimo inno alla Madre Patria.

First Sight, di Blue Chalk 

Due sorelline del West Bengal cieche dalla nascita, un'operazione semplice ed economica che può restituire loro la vista e tuttavia una meta irraggiungibile, per la loro umilissima famiglia, resa però possibile grazie all'impegno di organizzazioni quali 20|20|20. Per la verità il video non é nuovo, ma io non lo conoscevo: in tutti i sensi, una commovente meraviglia visuale.

#ASKTOPEE, di Video Daddy 

In un Paese dove ci sono più telefoni cellulari che toilette e dove ben pochi hanno la possibilità economica di entrare in un bar moderno fornito di servizi igienici per pagarsi una consumazione che ne giustifichi l'uso, milioni di donne sono costrette quotidianamente a fare a meno di un bagno quando natura chiama, o a servirsi delle latrine a cielo aperto nelle zone periferiche e rurali, cadendo così molto spesso vittime di maniaci e zozzoni di ogni risma, oltre che delle ovvie e relative conseguenze igienico-sanitare. Con la consueta sagacia e ironia, la crew di Video Daddy espone chiaramente il problema.

Anthem of Us, di Prashant Bhargava

Il video proiettato all'apertura della manifestazione organizzata al MSG di New York nel Settembre 2014 dalla comunità indo-americana, in occasione della visita del premier Narendra Modi negli USA. Nonostante i toni fortemente autocelebrativi, anticipati peraltro già dal titolo Inno a Noi, si tratta di un corto particolarmente interessante per la quantità di materiale proveniente dalla mostra Beyond Bollywood: Indian Americans Shape The Nation in esso assemblato e volto ad illustrare la storia dell'immigrazione indiana negli USA e la crescente integrazione e influenza degli Indiani d'India nel Paese. 

Whoopiee Hugs Campaign, di Whoopiee  

Una App che consente agli Indiani di localizzare nella loro zona le migliori occasioni per quel che stanno cercando, e un orfanotrofio di Bangalore, tra i molti esistenti in India, dove sono circa 31 milioni i minori senza famiglia in cerca d'affetto... Due entità i cui team si sono coalizzati per diffondere un messaggio di speranza, "Perchè non esistono bambini non voluti, ma solo famiglie adatte da localizzare!"  

The Possibilities, di Akshaya Patra 

In collaborazione col governo centrale e numerosi governi regionali, la ong Akshaya Patra promuove la scolarizzazione dei bambini indiani più poveri mostrando quanto i minori debbano spesso lottare quotidianamente per riuscire a ottenere almeno un pasto completo, gratuitamente offerto invece nelle scuole statali: cibo per il corpo e per la mente.

We are Fire, di Grain Media per Aljazeera 

Quando il marito di Champa Pal venne ucciso, il suo mondo andò in pezzi, fino a quando le ragazze della Gulabi Gang - la famosa banda dei Sari Rosa fondata nel 2006 da Sampat Pal - la aiutarono a ricomporlo. Il video, tratto da una storia vera, fa parte della nuova campagna Hear The Human Story recentemente lanciata dalla Tv con base in Qatar Aljazeera. 

Make in India

L'india che non ti immagini - e fai bene! - secondo la nuova campagna in stile vagamente realismo socialista 2.0 voluta dal premier Modi per promuovere il Paese nel mondo come centro manifatturiero del nuovo millennio.

Beti Zindabad! di ActionAid India 

La nuova campagna di Actionaid India, Beti Zindabad!, accoglie i visitatori del sito dedicato con uno slogan tanto terribile quanto reale: Ogni donna che incontri é una ragazzina che é sopravvissuta. Il cortometraggio illustra i sentimenti che attraversano l'India rurale all'ora di accogliere e crescere una beti, figlia femmina, e di quel che spesso l'attende anche quando viene lasciata vivere. Si calcola che, negli ultimi vent'anni, le bambine indiane che non sono sopravvissute oltre il sesto anno d'età siano circa 50 milioni.  

Indian Republic @65, Ministry of External Affairs, India 

Le celebrazioni grandi e piccole nel mondo per il 65° anniversario della Costituzione indiana, Festa della Repubblica. Ambasciate, consolati, delegazioni, comunità e Istituti di cultura indiana di tutti i Paesi del mondo hanno festeggiato la ricorrenza. (Sfortunatamente, tra le immagini prescelte brilla per assenza l'Italia; forse, memori dell'incredibile gazzarra organizzata per l'occasione l'anno scorso da 'Gnazio & i Suoi Camerati, i diplomatici indiani devono aver cercato di mantenere questa volta le eventuali celebrazioni il più possibile al riparo dei Media)

The Great Indian Litterbug, di Great Indian, TimesOfIndia 

Esiste una categoria trasversale di Indiani ( e non solo... ) formata da membri di ogni casta, credo e condizione che considera un diritto inalienabile insozzare gli spazi pubblici con i propri rifiuti, organici o meno, magari preoccupandosi nel mentre del degrado ambientale globale, ma non di quello del suo vicinato, tenendo la propria casa o automobile pulite a specchio, ma a discapito del circondario e che riesce così a ridurre a un immondezzaio qualsiasi località in men che non si dica. L'ironico video, commissionato dal TimesofIndia, celebra questo diritto, tramandato di generazione in generazione ed esercitato dalla culla alla tomba.

India's Daughter, di Leslee Udwin  

Due anni di lavoro, trenta ore di interviste ai familiari e agli amici, agli avvocati difensori, ai legislatori, a uno degli assassini di Jyoti Singh - Nirbhaya - e alle loro famiglie. La storia della ragazza di Delhi, il cui brutale stupro di gruppo e omicidio nel Dicembre 2012 portò la società indiana a interrogarsi e ribellarsi in massa contro una piaga certamente atavica e universale, ma il cui persistere è particolarmente favorito in India dalla cultura castale e patriarcale e dallo scontro di queste con la modernità. Il documentario verrà trasmesso per la prima volta il prossimo 8 Marzo da BBC4 e contemporaneamente proiettato in altre 7 nazioni, dalla Svizzera all'India stessa, dando il via il giorno dopo a New York al lancio di una omonima campagna mondiale - testimonial Freida Pinto e Maryl Streep - contro le violenze di genere e a favore delle pari opportunità. Aggiornamento: mentre si investiga sulla liceità delle interviste contenute nel documentario, un tribunale locale ne ha vietato la diffusione in India fino a nuovo ordine. La BBC risponde con la sua diffusione anticipata e la condivisione online. Il governo indiano ha immediatamente chiesto e ottenuto che tutte le piattaforme lo rimuovessero.

My Choice, di Homi Adajania  

Il diritto di scegliere, di autodeterminare la propria vita sociale, politica, lavorativa, sessuale, di cambiare idea, di essere o di apparire, di volere o di rinunciare, di amare o dimenticare, di prendere o di lasciare, sempre, per tutte, in ogni momento, in corpo e anima, attraverso i volti di 99 donne indiane - alcune celebri, come Zoya Akhtar, Nimrat Kaur, Adhuna Akhtar, Anaita Shroff Adajania, Sherry Shroff e soprattutto Deepika Padukone, che dà il volto principale e la sua voce al testo di Kersi Khambatta - nel corto prodotto da Vogue India per la campagna #VogueEmpower. Tra i tanti diritti di scegliere elencati, anche quello del sesso "al di fuori del matrimonio", senza nemmeno specificare se nel senso di prematrimoniale oppure di extraconiugale... Ed è subito rissa. 

Parvati Saves the World, Atto I, di Rattapallax 

Per affiancare il progetto Priya's Shakti, album a fumetti la cui protagonista ispirata e affiancata dalla dea Parvati diventa una SuperEroina che combatte la violenza contro le donne nel mondo, dopo essere sopravvissuta a sua volta a uno stupro ed essere stata emarginata dalla società a causa della brutalità subita, gli autori hanno prodotto anche questo remix in tre atti di scene tratte da film mitologici degli Anni 70, per sensibilizzare ulteriormente il pubblico contro la violenza di genere così frequentemente proposta come normale nei film indiani. Atto II. Atto III.

The Visit, di Myntra 

L'omosessualità attiva è come noto in India di nuovo tabù - anzi, un reato - e dunque non c'è modo migliore di farsi notare che attraverso la sua evocazione: con accortezza, però! Quella chic e femminile, che ovunque richiama tradizionali segreti da harem e zenana, risulta da sempre parecchio interessante, per le società machiste... L'operazione commerciale divenuta rapidamente virale in India di Myntra, Fashion Shopping App, appare ahimè chiarissima.

(Pronta alla rettifica, s'intende; ma solo dopo aver visionato un prossimo video della casa interpretato magari da due innamoratissimi ragazzoni indiani appartenenti alle classi popolari...)

Touch the Pickle, di Bbdo India per Whisper 

L'India si è aggiudicata ai Cannes Lions 2015 il primo Grand Prix dei Glass Lion, The Lion for Change, categoria istituita per la prima volta quest'anno per premiare le produzioni che collaborano all'abbattimento delle discriminazioni di genere, con questo spot per gli assorbenti Whisper. L'ossessione per la contaminazione fa sì che alle donne, considerate impure durante il ciclo mestruale, siano vietate moltissime attività: dal recarsi al tempio all'entrare nella cucina di casa propria. Tra le tante superstizioni relative alla questione, si crede che una donna mestruata che tocchi il barattolo dei sottaceti, pickle, preparati a mano come in ogni casa indiana che si rispetti, farà andare a male l'intera confezione. E allora...Tocca i sottaceti!

Gajendra Atithidevo Bhava, di Incredible India 

La campagna del ministero del Turismo indiano Atithidevo Bhava (L'ospite è come Dio) dal 2009 si propone di sensibilizzare la popolazione locale sulla questione del trattamento riservato ai turisti stranieri. A questo fine, nella nuova serie di spot Tv appena prodotti si illustrano alcune occasioni di rendersi utili, accoglienti e soprattutto di mostrarsi disinteressati e affidabili. Tra le quattro opzioni lanciate lo scorso Giugno, ecco Gajendra, taxista che aiuta una coppia svizzera a raggiungere un ospedale a Goa quando la signora viene colta dalle doglie e vede poi il suo nome, Gajendra, assegnato al neonato in segno di riconoscenza. Testimonial della campagna è da sempre la superstar bollywoodiana e attivista Aamir Khan. (Ma, se vi accontentate di un po' meno glamour, posso testimoniare anche io di essere stata aiutata, sfamata, accudita e persino generosamente finanziata dalla popolazione indiana - particolarmente da quella Sikh - in un momento di improvviso bisogno e pericolo durante i miei viaggi in India e senza che mi si consentisse poi di ricambiare mai in alcun modo se non con il mio commosso ed eterno Bahut Dhanyavaad...)

What The Fields Remember, di Subasri Krishnan 

Il 18 febbraio 1983, a Nellie e nei villaggi vicini dello Stato nordorientale dell'Assam vennero trucidati in una sola mattina circa 2000 cittadini musulmani, prevalentemente donne, anziani e bambini, in uno dei più tragici episodi di violenza settaria mai accaduti nell'India indipendente e per il quale nessun responsabile venne mai identificato o perseguito. Un documentario riporta in luce quegli eventi, raccontando le difficoltà dei sopravvissuti, le loro memorie e i fantasmi che ancora aleggiano su quei campi lungo il fiume Kopili, dove quella mattina tanti cercarono invano la salvezza. Ecco il trailer.

Cities of Sleep, di Shaunak Sen 

Per le orde di senzatetto e di diseredati di Delhi, la ricerca di un angolo sicuro dove poter trascorrere la notte e riposare anche solo qualche ora è una scienza, una lotta e ovviamente un'ineludibile necessità, sfruttata e gestita dalle mafie che immancabilmente fioriscono ovunque lo Stato e la società non si facciano carico del bisogno dei più deboli.

A Christmas Surprise, di Tata Sky 

Un messaggio di speranza per il Natale indiano e del mondo intero: un medley di melodie di stagione eseguito da musicisti musulmani con strumenti della tradizione locale.

 

Luoghi, itinerari, promozione turistica e videoblogs

Let Calcutta Surprise You

Ombre cinesi ed effetti grafici in bianco e nero per evocare lo spirito della capitale dell'Est indiano

MP Ajab Hai

Stesso concetto: meravigliose ombre cinesi per le bellezze del Madhya Pradesh nel promo del 2010. Protagoniste, le mani.

3 Years

In un minuto e mezzo, il delizioso e personalissimo diario dei 3 anni trascorsi in India (e dintorni) da Samuel Buchoul, Francia.

Postcard from India

♪♫♪ Dil Toh Baccha Hai Ji ... Dil Toh Baccha Hai Ji ♪♫♪
L'India di Emile Carlsen - Copenhagen.

Rickshaw Walk in Chandni Chowk, di Kunel Gaur

A bordo di un rickshaw dalla Jama Masjid al Sisganj Gurudwara a Chandni Chowk, Old Delhi. Un originale punto di vista.

L'Incredibile India, di Patrice Goldberg

Rajasthan • whole lotta love • led zeppelin • 33production

India HD, di Nelson Porto

Jaipur, Palolem, Khajuraho, Orcha, Varanasi, Ellora, Ajanta, Goa, Bodhigaya e molto altro: dal Brasile, un magnifico caleidoscopio indiano.

The Lost City, di Djit

Kolkata vista e raccontata attraverso gli occhi di un Bong, cioé di un autentico bengalese.

India, A Brief Journey, di Jordan Marzuki

♪♫♪...Hay un mundo más allá, Otro mundo más allá,
No te vayas si te vas, No te vayas si te vas...♪♫♪

Little Bangalore, di 1stDecemberFilms

Un meravigliso Time-Lapse per la capitale del Karnataka

Where Gandhi was Born, di  Henk Groenen, Olanda

Un omaggio a Porbandar, la cittadina costiera del Gujarat che diede i natali al Mahatma Gandhi, Padre della Nazione.

India, di Mo'Fo', Francia

Tutta la magia dell'India del Nord magnificamente catturata.

A Day in the Life of Kerala

Prodotto per il Times of India, questo bel ritratto della Terra degli Dei celebra lo spirito competitivo e la vita affaccendata dei suoi abitanti terreni.

Indian point of view, di Stanislas Giroux, Francia

Il Tamil Nadu e Pondicherry: bellissime immagini, ottimo editing

B.L.O.T. di George Belfield

Un inusuale ritratto di Bombay attraverso gli occhi e le orecchie dei membri del collettivo artistico B.L.O.T. acronicmo di Basic Love Of Things.  

See you somewhere. See you soon. di Jaoui Jérémy 

Una dichiarazione d'amore.

Pushkar, entre hippies y brahmanes, di Imagina5D 

"¡Auténtico!" vien da dire con gli autori, guardando questo tranquillo video che ben illustra la vita della celeberrima cittadina rajasthana.

L'India, di Kuldeep Kumar Mishra 

Luce magica per questo bellissimo caleidoscopio, girato principalmente in Rajasthan da uno studente di informatica di Allahabad.

Delhi Postcard, di Emberday

La capitale indiana affaccendata, trafficata, affamata, generosa, dolce e devota in questa impeccabile cartolina.

All India Permit, di Chacali 

Una disincantata visione, quella di questi ispanici viaggiatori: e il risultato è un video semplice, che ben rappresenta senza troppi romanticismi la realtà del circuito classico nell'India del Nord.

Random-Marine Drive, di Creative Crow Productions

♫♪♫...Au ciel de toutes les couleurs, Ton soleil réchauffe mon coeur...♪♫♪
In un giorno di pioggia, Mumbai.

We Love India! di Joakim Strickner, Austria  

Il divertente editing del più recente giro in India di una esperta guida di trekking scandinavo-tirolese.

Venice of Asia, di Panidhar Revanur 

La magnificenza solenne e misteriosa del lago Dal, a Srinagar, in Kashmir. Splendido.

Incredible India 2013, di Prakash Varma

Appena uscito, fresco fresco, l'ultimo promo del ministero del Turismo Indiano, prodotto dalla Nirvana Films.

Make It Count: India, di Graeme McRanor

Lui non ha potuto girare il mondo in 10 giorni come Casey Neistat col suo amico Max Joseph per la campagna MakeItCount della Nike, ma solo l'India: e il risultato è fantastico comunque.

India, di Jorge Barrero Herrea, Spagna

Le parole di Pessoa siglano con pertinenza un video particolare, intriso di colori e curiosità:  "I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò vediamo, ma ciò che siamo."

Chennai to Pondicherry: A Motorcycle Tour of Southern India, di Vita Brevis Films 

L'India meridionale, le Royal Enfield, Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta. Perfetto.

A Day in India, di The Perennial Plate 

Documentari settimanali online a proposito di alimentazione avventurosa e sostenibile: in questo episodio, Daniel Klein e Mirra Fine esplorano la gastronomia popolare indiana, da Nord a Sud e dall'alba al tramonto. Divertente e appetitoso.

Shanti Summer 12/13, di Emilie Sullivan, Sydney-Hong Kong 

La Biennale di Kochi-Muziris, le Backwaters, Gokarna, Arambol, Hampi... La fresca e rilassata Estate Shanti di Emilie & Amici

IPhone Incredible India, di Dhruv Kapoor 

Migliaia e migliaia di chilometri percorsi, migliaia e migliaia di foto scattate dall'Iphoneografo Jack Hollingsworth, montate ed editate con maestria da Dhruv Kapoor.

Madhya Pradesh - Colours, di Prakash Varma 

Il nuovo, spettacolare video dell'ufficio del turismo del Madhya Pradesh: tutti i colori di Holi compongono monumenti iconici dello Stato centrale indiano.

India, di Alexandr Sinitsa, Russia 

Due mesi su e giù per il subcontinente indiano per Alexandr e amici: itinerario classico, montaggio ed editing originali.

Loud, Stressful, Beautiful, India, di Gene Lee 

Un minuto d'India, chiassosa, stressante e bella.

Con i Nostri Occhi, di Mattia Virtuani 

"Girato in maniera rude", scrive l'autore. Sarà pure. Il risultato è un impeccabile ritratto indiano, per autenticità, ritmo, efficacia e arguzia. Bravo!

Incredible India, di Matt Devir

L'India sempre incredibile, particolarmente quando ripresa con maestria.

Kerala&TamilNadu, di Fabiana Serpa 

Un teaser le cui immagini già dicono parecchio dei due Stati meridionali indiani visitati dalla film-maker brasiliana sbarcata a Mumbai, così come dell'abilità sua e del suo editor di catturarle e assemblarle. Interessante.

My India, di Imagedb 

Di nuovo all'opera il duo formato dall'Iphoneografo Jack Hollingsworth e l'editor Dhruv Kapoor, per una visione dell'India tra l'epico e l'onirico e tuttavia del tutto reale e popolare.

Northern India in Ultra HD, di Jacob&Katie Schwarz 

Agra, Udaipur, Jodhpur, Jaipur Delhi... Itinerario classico da Golden Triangle allargato. Ma se scegliete la sua visualizzazione in 2160p, vi sembrerà di ripercorrerlo come forse non vi era mai capitato prima online. 

Mumbai Mantra, di Nitin Das 

Corri, corri e poi ancora corri. E poi spingi, tira, infilati e ricomincia a correre e se puoi poi canta, dormi, sogna, mangia, prega e ama. Lavora, suda, lotta... sei a Mumbai!

The Road to Leh, di Hutsama Juntaratana  

Da Delhi a Shimla, da Shimla a Manali, poi Jammu, Srinagar e finalmente Leh, in Ladakh: una magnifica ma impervia rotta percorsa a tappe, in 15 giorni e interamente su strada, da un gruppo di amici thailandesi diretti verso la capitale del Ladakh per trascorrere un periodo di volontariato presso il Tibet Heritage Fund, integrandosi immediatamente con la vita tradizionale di Leh e la sua popolazione: Julley! 

#ChangeThePerception (Part 1), di Arjun Menon 

L'assemblaggio (con promessa di ulteriori sviluppi) della prima tranche di oltre due milioni di foto scattate dall'autore dalla Valle dello Spiti alle spiagge delle Anadamane col legittimo desiderio di mostrare il fascino dell'India "oltre i carri da buoi e gli incantatori di serpenti"; le premesse per il successo ci sono tutte (senza nulla togliere però al fascino di buoi, serpenti e perchè no - esageriamo - elefanti, scimmie e pavoni, ovvio...) 

Timeless in Ladakh, di Knot in Focus 

Basta anche fermarsi e semplicemente stare a guardare, per farsi incantare per sempre dalla magia della natura del Ladakh...

Incredible India - Open Up, di Thinkpotfilms 

Il nuovo, magnifico spot commissionato dal Ministero del Turismo per promuovere gli Stati e la ricchissima cultura del Nordest indiano.

Welcome to India! di Alvar Riu Dolz 

L'India nordoccidentale lungo uno degli itinerari più classici e battuti e tuttavia sempre nuovo e originale, se oltre alle sue meraviglie architettoniche si osservano con occhio curioso e accogliente anche i titolari delle stesse: i suoi abitanti.  

My Kochi, di Brandon Li 

Cochin, o Kochi, in Kerala: in un minuto e mezzo tutta l'essenza e il fascino dei dintorni della gloriosa città vecchia.

Gateway to the Ganges, di Brandon Li 

La vita che scorre al ritmo del fiume nelle città sante di Rishikesh, Haridwar e Devprayag: natura, devozione, miseria, relax e fatiche quotidiane ai piedi dell'Himalaya.

L'India di Kyle Larson 

C'è dentro un po' tutto, in questo video-trailer musicato da un'interessante versione desi del tema composto nel 1975 da Pierre Bachelet per un film erotico che all'epoca fece scandalo, ed è tutto bello.

Mumbai Time Lapse, di Ashwin Nagpal 

La folla, le luci, il traffico della Città che non dorme mai in 2 minuti di video che faranno venire nostalgia di Mumbai a chi già la conosce e voglia di conoscerla a tutti gli altri.

Sands of Thar, di Rajasthan Tourism 

La cultura e il patrimonio artistico del Rajasthan in una deliziosa animazione creata con l'arte della sabbia dal ministero del Turismo locale

The Start - Tujhe Dekha To Yeh Jana Sanam
 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!