L'uomo che vide l'infinito PDF Stampa E-mail
L'Arte, la storia e la cultura - Bollywood e cinema
Domenica 05 Giugno 2016 22:15

Quello che colpisce di questo film, L'uomo che vide l'infinito di Matthew Brown, in sala dal 9 giugno con la Eagle Pictures, è la forza surreale della storia vera che racconta.

Ovvero quella di Ramanujan (Dev Patel), genio indiano della matematica completamente autodidatta, che nel 1913 riuscì a partire, lui semplice e povero contabile, per il Trinity College di Cambridge. E questo grazie a una lettera inviata all'eccentrico professore, GH Hardy (Jeremy Irons) che poi divenne il suo mentore e lottò insieme a lui contro i pregiudizi verso un indiano che aveva un difetto imperdonabile: quello di essere un genio.
Srinivasa Ramanujan, morto a soli 33 anni nel 1920, non solo era un matematico geniale, ma aveva anche, tra le sue colpe, quella di essere autodidatta. Ovvero arrivava a delle teorie matematiche innovative senza alcun training formale, non sapendo esattamente dimostrare come ci fosse arrivato.

(Fonte: ANSA)

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!