Il Deccan PDF Stampa E-mail
Il Territorio - Geografia e climi

Sotto i vasti cieli dell'altopiano del Deccan, si avvicendarono grandi regni indù e musulmani, che lasciarono a propria memoria superbi monumenti, sparsi in un paesaggio splendido e ancora rurale.

 

Altopiano del DeccanViaggiare attraverso il Deccan, l'altopiano che occupa la maggior parte degli Stati del Karnataka e dell'Andhra Pradesh, può essere a tratti cosa ardua, trovandosi spesso al di fuori dei principali circuiti turistici internazionali, ma gli splendidi monumenti della regione e gli straordinari paesaggi, a partire dai Ghat Occidentali che lo delimitano a Ovest, ne fanno in realtà una delle zone più interessanti da visitare dell'India. I principali poli urbani della regione sono Bangalore e Hyderabad, capitale del Karnataka di lingua kannada la prima e capitale dell'Andhra Pradesh, di lingua telugu la seconda.

Bangalore, un tempo elegante città inglese e ora dinamica capitale, ospita la Silicon Valley dell'India. Hyderabad, ricca di vestigia dei regnanti musulmani, come il CharMinar, tra i monumenti più celebri della nazione, ha seguito e per certi versi già abbondantemente raggiunta Bangalore sulla via dell'economia mondiale. Intorno a queste due grandi città si stendono variegati paesaggi rurali e I grandi fiumi Kaveri, Godavari e Krishna, con i loro affluenti che sfociano tutti nel Golfo del Bengala, bagnano il fertile suolo dell'altopiano, dove il 70% della forza lavoro è impegnata nell'agricoltura. Attraversando queste zone vedrete risaie, campi di arachidi, peperoncini, cotone e canna da zucchero, oltre al tabacco dell'Andhra Pradesh e i gelsi del Karnataka, per la produzione della seta.

Lasciando un sonnacchioso villaggio troverete il seguente nel pieno di una festa; un gregge di capre potrà bloccare una strada; un campo incolto può divenire una fiera del bestiame, con gli animali agghindati e colorati con sgargianti pigmenti e fiori. Nel Nord imperi dimenticati hanno lasciato alcuni tra i più pregevoli templi dell'India, dai più antichi esempi di Ahiole e Pattadakal, ispirati alle originarie strutture lignee, ai capolavori di Belur e Halebid e fino a quelli più tardi di Vijayanagar in tutta la loro gloriosa magnificenza, pari a quella fiabesca dei palazzi di Mysore al Sud o alla cittadella fortificata di Golconda, nei pressi di Hyderabad, ma ci si può qui imbattere anche in memorie della cultura megalitica, come per esempio a Hirebenakal. A nord-ovest i signori del grande sultanato Bahmani, rivale di Vijayanagar, costruirono le cittadelle di Gulbarga e Bidar. In seguito il regno si smembrò in sultanati minori, sempre in lotta fra loro, ma le città continuarono ad arricchirsi di bellissime moschee e mausolei dalle eleganti cupole, come quelli di Bijapur, fino a quando venne il momento di dover affrontare gli attacchi dell'impero Moghul.

Molti i siti poco visitati dal turismo straniero lungo i 1000 Km di splendide coste dell'Andhra Pradesh, da Tirupati - dove si trova però uno dei templi più ricchi e visitati del Paese intero e forse del mondo - fino al porto di Vishakhapatnam, senza dimenticare i delta del Krishna e del Godavari.

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!